Omicidio Polizzi, annullata la condanna di 18 anni a Valerio Menenti

Confermata la responsabilità del padre Riccardo Menenti, cui era stato inflitto l'ergastolo

 
Chiama o scrivi in redazione


Omicidio Polizzi, Cassazione conferma condanna per Riccardo Menenti

Omicidio Polizzi, annullata la condanna di 18 anni a Valerio Menenti

ROMA – E’ stata annullata dalla Cassazione la condanna a 18 anni di reclusione inflitta a Valerio Menenti, accusato del concorso materiale e morale nell’omicidio di Alessandro Polizzi avvenuto a Perugia nel marzo 2013. Confermata, invece, la responsabilità del padre Riccardo Menenti, cui era stato inflitto l’ergastolo, quale esecutore materiale del delitto. A Riccardo Mementi sono state escluse le aggravanti dei futili motivi e della crudeltà.

A rideterminare la pena sarà il tribunale di Firenze. L’omicidio venne compiuto in un appartamento alla periferia di Perugia. Polizzi, secondo l’accusa, venne ucciso con un colpo di pistola da Riccardo Menenti, 59 anni, penetrato nella notte nell’appartamento.

Il giovane era in quel momento con la fidanzata Julia Tosti, ex di Valerio Menenti, 31, e ferita alla mano dallo stesso proiettile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*