Nuovo scandalo sul Reddito di Cittadinanza in Umbria, maxi controllo Inps

Proroga cassa integrazione in deroga, sisma, a breve operativa

Nuovo scandalo sul Reddito di Cittadinanza in Umbria, maxi controllo Inps

“Nuovo scandalo sulla misura del RDC. Grazie all’ottimo lavoro dell’Inps, che da mesi sta svolgendo ampi controlli sul Reddito di cittadinanza con l’obiettivo di individuare tutti i casi di indebita percezione è stato reso noto che un cittadino su quattro non aveva diritto alla misura” dichiara il deputato umbro di Fratelli d’Italia Emanuele Prisco. Dall’esito della maxi inchiesta sono state accertate anomalie in 3.700 casi su 12000, vale a dire nel 26,7 per cento dei soggetti che beneficiano del reddito di cittadinanza.

“Si aggiunge così un nuovo scandalo che riguarda la “grande conquista” per la quale Di Maio e i grillini esultavano dal balcone di Palazzo Venezia: il reddito di cittadinanza si dimostra sempre più un provvedimento scandaloso e diseducativo, oltre a rendere più difficile l’occupazione soprattutto in settori come il turismo e la ristorazione. Una misura da noi sempre contestata perché rappresenta uno schiaffo agli italiani onesti e un insulto a tutti i cittadini che quotidianamente si rimboccano le maniche per ripartire. Oggi l’unica soluzione è l’abolizione di questo strumento pensato solo per ottenere facili consensi elettorali. Quante imprese e attività avremmo potuto aiutare con quelle risorse creando reali posti di lavoro?”. Così conclude la nota il deputato di FDI Emanuele Prisco.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*