Minaccia di bruciare casa del datore di lavoro: “Mi deve 10 mila euro”

 
Chiama o scrivi in redazione


Minaccia di bruciare casa del datore di lavoro: “Mi deve 10 mila euro”

Gli doveva 10 mila euro di stipendi arretrati e così voleva dar fuoco al tetto dell’abitazione del suo ex datore di lavoro. Ha detto questo il 41enne romeno che ieri sera è rimasto sul tetto di una casa di Mugnano per oltre due ore. Lo stesso uomo che annunciava gesti ritorsivi. E’ scritto oggi dai giornali della carta stampata.

© Protetto da Copyright DMCA

E’ pertanto salito sul tetto della casa del suo ex datore di lavoro con due taniche di benzina, degli stracci e un accendino. Minacciava di appiccare un incendio se non si fosse visto pagare gli stipendi arretrati e chiedeva di parlare con il suo ex titolare che non c’era. La prima richiesta di intervento è arrivata attorno alle 15 alla centrale operativa del 112.

Per oltre un’ora non ha voluto parlare con nessuno, poi Il comandante della compagnia di Perugia, maggiore Pierluigi Satriano, è riuscito ad aprire un dialogo con lui e alla fine lo ha convito a scendere. E’ stato denunciato dai carabinieri per esercizio arbitrario delle proprie funzioni. Sul posto, oltre ai carabinieri, sono intervenuti anche i vigili del fuoco e i medici del 118.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*