Malato di Parkinson muore nelle acque del fiume Tevere a Città di Castello

Incendio in un capannone lungo la Pievaiola, danni limitati, nessun ferito

Malato di Parkinson muore nelle acque del fiume Tevere a Città di Castello Un uomo M.S., nato nel 1960 a Città di Castello, è morto, probabilmente ieri pomeriggio, nelle acque del fiume Tevere. Da quanto si apprende dai Carabinieri era andato a pescare e la moglie ne ha segnalato il mancato rientro alle 23,30. Sono scattate immediatamente le ricerche che, alle 1,45 di questa notte, hanno portato al ritrovamento della bicicletta.

Alle 2,40 il tragico ritrovamento

Alle 2,40, poi, i Vigili del fuoco hanno recuperato il corpo senza vita dell’uomo nelle acque del fiume nel tratto di Città di Castello. Sulla vicenda, comunicano dal comando provinciale del’Arma, anche i Carabinieri della compagnia tifernate. Da accertare, ora, se il poveretto si è sentito male e poi sia scivolato nel fiume oppure, per una tragica fatalità, sia caduto nell’acqua e sia morto annegato. Anche se, sempre i carabinieri, propendono per questa seconda ipotesi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*