Ladro prende a martellate la sua vittima, arrestato a Perugia

Effetto Gugliotta, pattuglione dall'acropoli a Sant'Egidio
Controlli Polizia
Controlli Polizia
Controlli Polizia

(umbriajournal.com) PERUGIA – Alla Sala Operativa della Questura, alle ore 19.07 circa, è arrivata una segnalazione che in Via Caprera, a Perugia, c’erano delle persone che si picchiavano. Gli agenti, che sono arrivati all’incrocio tra Via Mentana e Via Caprera, hanno visto due nigeriani che trattenevano un magrebino. Dopo aver accertato le condizioni fisiche dei tre i poliziotti iniziavano ad ascoltare quanto era successo; il cittadino nigeriano riferiva di aver subito il furto della propria spesa alimentare dopo averla lasciata a terra per parlare al telefono. Accortosi quindi dell’ammanco raggiungeva pochi attimi dopo due cittadini magrebini nei giardinetti di via Caprera, che nel frattempo avevano iniziato ad aprire e consumare gli alimenti da lui acquistati.

A questo punto cercava di recuperare la merce, ma i due con violenza gli si scagliavano contro ed iniziavano a picchiarlo con calci e pugni. Nella concitazione dei fatti notava anche che un suo connazionale, nel frattempo, vedendolo in forte difficoltà, era giunto in suo soccorso.

Il nigeriano riferiva anche che uno dei due magrebini, nel corso della colluttazione estraeva un martello del tipo mazzetta di metallo per colpire lui ed il suo connazionale al fianco. Il magrebino sferrava dei violenti colpi all’altezza della testa tanto da procurargli delle lesioni alla mano sinistra che utilizzava per ripararsi; nonostante tale violento comportamento i due nigeriano riuscivano a disarmarlo e a bloccarlo e a mettere in fuga il complice. Considerata la situazione, emersa dal racconto delle tre persone, gli agenti accompagnavano i tre in Questura ove, dopo la formalizzazione dei fatti, arrestavano H. H., marocchino del 86 che risultava avere numerosi pregiudizi di polizia , l’obbligo di presentazione alla P.G presso i CC , Rapina, Ricettazione, Spaccio, Resistenza a P.U. Furto ed Evasione. Al termine veniva tradotto in Carcere. Sono in corso le ricerche del complice.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*