La tragedia del pulmino, morirono 3 disabili, la conducente vuole raccontarlo

La tragedia del pulmino, morirono 3 disabili, la conducente vuole raccontarlo

La tragedia del pulmino, morirono 3 disabili, la conducente vuole raccontarlo

Tre disabili, ospiti di Villa Fiorita, morirono la notte del 2 marzo 2020. L’incidente in località La Fratta, a Cortona, al confine tra Toscana e Umbria. La 40enne di Castiglione del Lago, operatrice socio sanitaria, che quella notte si trovava alla guida del pulmino che finì fuoristrada vuole raccontare quanto avrebbe vissuto un attimo prima. La donna vuole raccontarlo in aula con la sua viva voce davanti al giudice nel corso dell’udienza. «Voglio raccontare l’incubo vissuto quella notte. C’era una tempesta, era buio pesto. Non c’era spazio per fermarsi lungo la strada poco illuminata. I ragazzi erano più agitati del normale…».


Fonte: Quotidiani locali


La donna, assistita dall’avvocato Marta Tofani, è accusata di omicidio stradale plurimo. Nelle scorse ore si è presentata davanti al Gup Giulia Soldini in udienza preliminare chiedendo il giudizio con rito abbreviato la cui discussione è già fissata al 10 febbraio 2022.
L’imputata – scrive la Nazione – ha sempre sostenuto che quella notte la tragedia non si poteva evitare «non si trattò di una distrazione mia». La difesa ha depositato una consulenza tecnica di parte e la risultanza di una serie di indagini difensive portate avanti in questi mesi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*