Istruttore di karate muore mentre si allena a Fratta Todina

Istruttore di karate muore mentre si allena a Fratta Todina

Istruttore di karate muore mentre si allena a Fratta Todina

Stefano Marconi, 55 anni, istruttore di karate e autista di autobus, è morto mentre si stava allenando. Si è accasciato a terra durante una corsa pomeridiana, poco dopo le 16 di ieri. La causa del decesso, stando ai primi accertamenti, sarebbe un infarto. Stefano Marconi ha perso a Fratta Todina, comune dove risiedeva, in località Stazione. A chiamare i soccorsi un residente della zona. Ma l’intervento dei sanitari, giunti sul posto, è stato vano. Marconi lascia la moglie Antonella e la figlia Erica.


Fonte: Quotidiani locali dell’Umbria
e profilo Facebook


Tutto il mondo del karate umbro è addolorato. tanti i messaggi cordoglio sui social. Era un istruttore iscritto alla Hagakure karate del maestro Rossano Rubicondi. La notizia è arrivata ai ragazzi
dell’associazione sportiva proprio durante una gara agonistica a Riccione.

“È stata la gara più brutta e difficile di tutta la storia di Hagakure Karate scrive Rossano Rubicondi sul suo profilo Facebook -. Quando abbiamo saputo la notizia eravamo smarriti, non sapevamo che fare, volevamo smettere e tornare a casa. Poi ci siamo riuniti fuori dal palazzetto, ci siamo guardati negli occhi gonfi di lacrime e ci siamo chiesti: ‘che cosa avrebbe voluto lui’. Ci siamo abbracciati e siamo rientrati dentro e abbiamo ‘menato’ come avresti voluto tu, abbiamo servito a volontà la tua specialità mawashi gheri ‘co lo scrocchio’. Abbiamo vinto tante medaglie, ma nessuna è riuscita a lenire il dolore in fondo all’anima di questa giornata maledetta che ti ha portato via da noi. Queste medaglie sono tutte per te, come tributo per chi ha amato più di chiunque altro la nostra società sportiva. Stefano Marconi Hagakure Karate non sarà più la stessa senza il tozzo. Fai buon viaggio amico mio burbero ma sincero”.

1 Commento

  1. Stefano mi mancherà davvero tanto è un pezzo di cuore che se ne va via da me Un pensiero grande alla moglie Antonella e alla figlia Erica alle quali mando un grande abbraccio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*