Gup Perugia in camera consiglio, decide su intercettazioni a Palamara

per decidere sulla richiesta di inutilizzabilità delle intercettazioni

 
Chiama o scrivi in redazione


Magistratura corrotta impunita, libro di Palamara e Sallusti a nudo sistema

Gup Perugia in camera consiglio, decide su intercettazioni a Palamara

Il gup Piercarlo Frabotta si è ritirato in camera di consiglio per decidere sulla richiesta di inutilizzabilità delle intercettazioni nei confronti dell’ex consigliere del Csm, Luca Palamara, avanzata dalla sua difesa nell’ambito dell’udienza preliminare che lo vede imputato a Perugia per corruzione. Il giudice dovrà inoltre stabilire se ammettere la di perizia, sollecitata sempre dai legali dell’ex magistrato, sul server ‘di transito’ installato a Napoli dalla società che si occupò della parte tecnica dell’operazione.

Perizia alla quale si è opposta la procura di Perugia. La decisione su entrambe le questioni è attesa nel pomeriggio. Questa mattina sono stati sentiti in aula gli esperti della polizia postale che hanno svolto gli accertamenti irripetibili sui 20 file riferibili a Luca Palamara rinvenuti sul server di Napoli di Rcs, la società incaricata dalla procura perugina di svolgere le intercettazioni. Accertamenti dai quali è emerso che sono risultati “creati” tra il 4 e il 29 maggio del 2019. I file hanno una durata tra zero secondi e poco più di due minuti.

Diciannove di questi sono “intellegibili” e il loro contenuto è stato trascritto dalla stessa polizia postale. “Con il nostro tecnico abbiamo riscontrato che tre file tra quelli analizzati dalla polizia postale non sono arrivati a Roma – ha detto il difensore di Palamara, l’avvocato Benedetto Buratti-. Durante l’ispezione disposta dalla procura di Napoli e le operazioni irripetibili decise dal gup di Perugia e dalla procura di Firenze, inoltre, non si è accertato nulla rispetto alla traccia lasciata dal trojan sul server di Napoli l’8 settembre 2019. Insistiamo quindi sulla inutilizzabilità delle intercettazioni e sulla perizia completa sul server”. Per la procura di Perugia le intercettazioni sono da considerare “legittime perché rispecchiamo i criteri e sono state fatte in modo rituale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*