Giovanni Di Lorenzo in carcere fa sciopero della fame, vuole essere trasferito in Sicilia

Giovanni di Lorenzo in carcere fa sciopero della fame, vuole essere trasferito in Sicilia

Giovanni Di Lorenzo in carcere fa sciopero della fame, vuole essere trasferito in Sicilia

Diciotto giorni di sciopero della fame. Così Giovanni Di Lorenzo, detenuto del carcere di Terni, protesta contro il mancato trasferimento in un istituto penitenziario in Sicilia. Vuole stare stare più vicino alla famiglia. E’ quanto scrive oggi il Corriere dell’Umbria riportando alcune parti di una lettera scritta dallo stesso detenuto al giornale.

Di Lorenzo è dietro le sbarre da tre anni per il reato di associazione mafiosa. E’ dentro con il 416 bis – scrive il quotidiano e il suo regime carcerario prevede l’obbligo che sia detenuto lontano dai luoghi dove ha commesso i fatti.  E’ stato arrestato in un blitz contro Cosa Nostra a Palermo.

“Ho tre figli – scrive nella lettera – di cui uno gravemente disabile e bisognoso di attenzioni paterne, magari anche occasionali. Tante volte ho chiesto udienza al direttore”. “Tre lunghi anni in cui continuamente chiedo al Dap – scrive nella lettera Di Lorenzo – e alle autorità giudiziarie di poter essere tradotto in un qualsiasi carcere siciliano vicino alla mia famiglia, non potendo qui effettuare per la grande distanza alcun colloquio visivo: l’ultima volta ho potuto vedere i miei cari più di un anno fa, in occasione di una mia trasferta sotto scorta in Sicilia per alcuni dibattimenti processuali. Dalle autorità soprascritte non ricevo notizie positive, senza motivazioni convincenti”.

“Posso aver sbagliato molto in passato le mie condotte illegali. Ma è giusto – si domanda Di Lorenzo – che dopo tanti anni di carcere non possa usufruire dei diritti costituzionali in quanto coniugato e padre? Nessuno gli risponde. Da qui la decisione di avviare lo sciopero della fame. “E andrò fino in fondo – conclude – anche a costo di morire, se le autorità competenti dovessero continuare a ignorare le mie giuste richieste”.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
36 ⁄ 18 =