Funerale 18enne, ultimo abbraccio ad Alessio, “Ciao Gallo” 🔴 VIDEO



Funerale 18enne, ultimo abbraccio ad Alessio, “Ciao Gallo”

Alla fine della cerimonia funebre tutti gli amici, molti con la felpa rosa realizzata appositamente per Gallo, hanno accesso le loro moto e scooter e fatto rumore fino al passaggio del carro funebre. Dopo hanno seguito l’auto bianca fino al cimitero. Si sono svolti ieri pomeriggio i funerali di Alessio Galletti, il ragazzo di 18 anni morto in un tragico incidente stradale. Il funerale di Alessio è stato celebrato negli impianti sportivi di San Martino in Colle. Una chiesa non avrebbe potuto contenere tanta gente, e qui la decisione di farlo all’aperto anche per rispettare le norme vigenti anticovid.


di Morena Zingales


Nel video, postato su instagram dagli amici gente_di_marsciano_ lacrime, dolore e tanta rabbia per una morte così improvvisa. Il loro amico non c’è più, ma resterà sempre nei loro cuori. Così come scrive Greta la sua fidanzata: “Ci mancherai molto piccolo mio”. Nicolo scrive: “Addio Ale sei stato il più forte e lo sei ancora se sei lassù”. “Ogni motore suona per te, ciao gallo”, scrive Lorenzo a commento della foto postata.

  • Amministrazione presente

Alla cerimonia hanno preso parte, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, anche il sindaco, Andrea Romizi, e l’assessore Luca Merli.  Alla fine della cerimonia, il lancio di palloncini bianchi.

  • L’incidente martedì scorso

Alessio è morto martedì della settimana scorsa a pochi metri da casa sua. Il ragazzo che viaggiava a bordo del suo scooter, stando ai primi accertamenti effettuati dagli agenti della polizia municipale, sarebbe stato urtato da una macchina che lo seguiva mentre era fermo, in attesa di svoltare. Dopo l’urto, Alessio è caduto a terra, proprio nell’istante in cui passava un’altra auto che lo ha travolto, perché la conducente non è riuscita a frenare in tempo. I sanitari del 118 lo hanno soccorso e trasferito in codice rosso al Santa Maria della Misericordia, ma è morto poco dopo l’arrivo in ospedale. Le lesioni riportare erano troppo gravi.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*