Covid19, fugge all’alt, era senza patente e senza assicurazione, ma…

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid19, fugge all'alt, era senza patente e senza assicurazione, ma...

Covid19, fugge all’alt, era senza patente e senza assicurazione, ma…

Non si fermano i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Assisi per far rispettare le misure emanate dal Governo per contrastare la diffusione del coronavirus.

Nella mattinata di giovedì i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Assisi, hanno denunciato un 49enne di origini nigeriane, domiciliato regolarmente da anni ad Assisi, per il reato di guida senza patente.

La pattuglia, nel corso degli ormai rituali controlli, intercettava in via Roma, a Bastia Umbra, una Lancia Thesis con a bordo due persone: immediatamente veniva intimato l’alt all’auto ma il guidatore, vedendo i militari, proseguiva la propria marcia scappando a forte velocità. Il conseguente inseguimento si concludeva nella via Los Angeles di Santa Maria degli Angeli.

Una volta fermato, i Carabinieri hanno accertato che il fuggitivo non si era fermato all’”ALT” , poiché sprovvisto di patente di guida, in quanto mai conseguita. Gli ulteriori accertamenti esperiti sul posto consentivano ai militari di accertare,inoltre,come  lo straniero, oltre ad essere gravato da vari precedenti penali, era già recidivo quanto alla guida senza patente, per essere stato segnalatoaltre volte per la medesima violazione negli ultimi tre anni; l’ultima nello scorso mese di dicembre.  Nondimeno, i militari, nel prosieguo dell’attività di verifica sui documenti della Lancia Thesis, a bordo della quale viaggiava l’uomo con la propria moglie, anch’ella nigeriana e domiciliata ad Assisi, appuravano che quel veicolo non era nemmeno coperto da assicurazione obbligatoria.

Al termine delle attività, oltre alle varie contestazioni di carattere amministrativo e alla denuncia in stato di libertà alla competente Procura della Repubblica per il reato di guida senza patente, ex art. 116 commi 15 e 17 CdS, al nigeriano ed alla moglie veniva contestata anche la violazione  amministrativa di euro 533,33 per l’inosservanza dei Decreti legge e DPCM emanati dal Governo a seguito dell’attuale situazione epidemiologica, avendo violato il divieto di uscire dal Comune di residenza. Le sanzioni complessive sfiorano i 2.000 euro e l’autovettura è stata sequestrata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*