Covid-19, a Magione focolai nelle famiglie dopo le feste

 
Chiama o scrivi in redazione


Aumentano ancora i ricoverati, i contagi e i morti, la situazione il 17 febbraio

Covid-19, a Magione focolai nelle famiglie dopo le feste

Uno screening anticipato di tutto il personale scolastico di ogni ordine e grado. E’ quanto si valuta di fare a Magione per contrastare l’aumento dei casi Covid. E’ stata superata la quota 200 e il  Comitato tecnico scientifico regionale prenderà dei provvedimenti. Si tratta di cluster familiari esplosi a cavallo delle feste di Natale. Il 20 dicembre c’erano solo 18 casi. Lo riporta oggi il Corriere dell’Umbria.
Il sindaco di Magione, Giacomo Chiodini, intanto ieri ha comunicato il bollettino giornaliero. “Un nuovo decesso di una persona anziana segna tristemente la prima giornata di calo dei positivi a Magione dopo tre settimane di crescita. Con tutte le doverose cautele – dopo oltre tre settimane di aumento costante dei contagi – registriamo oggi la buona notizia di una riduzione del numero di attualmente positivi (-4) e anche degli isolamenti precauzionali (-4). Questa novità, molto attesa da tutti noi, stride purtroppo con la notizia di un nuovo decesso legato al virus. Si tratta di una persona anziana ricoverata da tempo nel reparto covid. La vicinanza di tutta la comunità giunga ai suoi familiari. I ricoverati sono diciotto, di cui due in terapia intensiva. Come annunciato nel post di ieri, l’asilo nido comunale domani resterà chiuso per sanificazione. Riaprirà regolarmente martedì con una sezione che rimarrà in quarantena per accertamenti dopo un caso di contagio familiare riavvenuto in un alunno. E’ quasi finito invece l’isolamento per una classe della materna del capoluogo e per una delle scuole medie di Magione”. 
Il quadro sanitario a Magione è il seguente:
▪️ 211 positivi (-4)
▪️ 458 guariti (+11)
▪️ 192 in isolamento (-4)
▪️ 3 classi scolastiche in quarantena
▪️ 18 ricoveri, di cui 2 in terapia intensiva
▪️ 12 decessi dall’inizio della pandemia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*