Coronavirus, muore la sorella, lo Stato lo abbandona | il video di Luca 🔴

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus, muore la sorella, lo Stato lo abbandona | il video di Luca

Coronavirus, muore la sorella, lo Stato lo abbandona | il video di Luca

Con la sorella morta sul letto chiede aiuto! Luca Franzese da Napoli trova il coraggio di fare una diretta web e chiede di rendere il video virale. Le sue parole colpiscono.

Luca Franzese è il fratello di Teresa, 47enne napoletana deceduta ieri sera, nella propria abitazione. «Siamo in attesa da 24 ore dell’esito del tampone per il Coronavirus – spiega Luca- nessuno ci ha fatto sapere nulla e siamo completamente abbandonati a noi stessi».

“Governo di incapaci, amministrazione comunale, regionale e governo, asl e tutto ciò che ci circonda..ho mia sorella deceduta in casa e nessuno sa darmi una risposta di come farle le onoranze funebri. Quei poveri ragazzi del 112 (i carabinieri che vogliono aiutarmi ma non sanno come fare). Tutti i numeri verdi bloccati, se per stasera non avrò una risposta scateno una guerra mediatica. Chiedo a tutti gli amici di Facebook di aiutarmi questi bastardi ci hanno abbandonato a noi stessi! Girate condividete vi prego”. Queste le sue parole pubblicate su Facebook. Il video diventato virale e i commenti sono infiniti.

Nell’appartamento, oltre a Luca e la salma della giovane donna sono presenti i due genitori anziani e un’altra sorella con il marito e due figli. Tutti si sono autoisolati nel loro appartamento ma nessuno fornisce indicazioni su cosa fare».

La donna, fanno sapere i parenti, soffriva di epilessia ma seguiva una terapia e non aveva altre patologie a carico. Anche l’equipe del 118 intervenuta ieri sera è in isolamento e non ha prestato servizio dopo la vicinanza con il caso sospetto.

«Mia sorella si è sentita male ieri pomeriggio e non ha più ripreso coscienza – spiega l’uomo nel video- ho iniziato a praticare un massaggio cardiaco e abbiamo chiamato il 118. Mia sorella ha avuto un’influenza con sintomi compatibili al Coronavirus, prima di morire e abbiamo insistito per farle fare il tampone dal 118 – racconta – gli operatori non avevano il kit e sono tornati una seconda volta in tarda serata per effettuare il tampone. Da quel momento nessuno ci ha dato indicazioni su come comportarci ma ci hanno abbandonato a noi stessi, mia sorella è qui nel letto e noi siamo ostaggio in casa, vorremmo solo sapere cosa fare e chi si sta occupando di noi». (Fonte: ilmattino.it)

Questo video è molto forte, non fatelo vedere ai bambini ed anziani




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*