Container con rifiuti dall’Europa pronti per esportazione in Costa d’Avorio

 
Chiama o scrivi in redazione


Container con rifiuti dall’Europa pronti per esportazione in Costa d'Avorio

Container con rifiuti dall’Europa pronti per esportazione in Costa d’Avorio

Tv a schermo piatto e con tubo catodico, frigoriferi, lavatrici, cucine industriali, forni a microonde, macchine da cucire industriali ed elettrodomestici vari, materassi e masserizie. Queste sono le merci contenute nel container, individuato e bloccato dai funzionari della Dogana e dai Carabinieri forestali di Perugia. Secondo la Procura della Repubblica, del capoluogo umbro, il materiale, che arrivava dall’Europa, era diretto verso la Costa d’Avorio, in Africa. Gli oggetti, tutti materiali da considerarsi rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), sono stati sequestrati e il mittente, residente nel Perugino, è stato denunciato.

© Protetto da Copyright DMCA

Benché usati e funzionanti, gli apparati, in quanto sprovvisti della documentazione prescritta dalla normativa e collocati nel container privi delle protezioni previste dalla norma per essere spediti come apparecchiature e non quali rifiuti, sono da considerarsi, vista la violazione del Testo Unico Ambientale, destinati allo smaltimento illecito.

Che, oltre ad arrecare danni all’ambiente del Paese di destinazione e anche potenziali rischi alla sicurezza degli acquirenti, comportano concorrenza sleale da parte degli esportatori nei confronti degli operatori che rispettano le norme. Continua così senza sosta l’attività di ADM nel contrasto alle esportazioni illecite al fine di garantire sia la concorrenza economica, sia la tutela ambientale e la sicurezza dei consumatori.

I REATI
In particolare sono state ravvisate violazioni di quanto dettato dal Testo Unico Ambientale (D.Lgs. 152/2006), dal D.Lgs. 49/2014 sui RAEE e dal Regolamento UE 1013/2006 sulle esportazioni internazionali di rifiuti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*