Capriolo salvo grazie alle guardie ecozoofile della Protezione civile di Collescipoli di Terni

 Capriolo salvo grazie alle guardie ecozoofile della Protezione civile di Collescipoli di Terni I

 Capriolo salvo grazie alle guardie ecozoofile della Protezione civile di Collescipoli di Terni Il fatto è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri durante i consueti controlli ambientali nel territorio ternano. L’attenzione di alcune guardie è stata attirata da forti guaiti di un animale, in prossimità di una fitta vegetazione adiacente ai percorsi pedonali del belvedere inferiore della cascata delle Marmore. Dopo un’accurata ispezione della zona, si è arrivati alla scoperta di un cucciolo di capriolo impigliato con le zampe posteriori in una rete metallica di recinzione di un pezzamento di terra padronale.

La situazione è apparsa subito complessa per la presenza della mamma del cucciolo e per la rete in cattivo stato di conservazione, che però non ha scoraggiato le guardie: per non lasciare il proprio odore sul mantello del cucciolo, evitando cosi l’abbandono della madre, le guardie hanno indossato guanti protettivi e con l’aiuto di una tenaglia sono riuscite a liberare le zampe del piccolo dalla rete.

Il cucciolo, chiaramente spaventato e sfinito, è rimasto accoccolato per più di dieci minuti con la mamma che vigilava a distanza di sicurezza. Una volta resesi conto che il capriolo poteva riunirsi alla mamma, le guardie volontarie si sono allontanate felici e orgogliose di aver salvato un essere meraviglioso.

Il Presidente dell’associazione Pro. Civ. Collescipoli, Sergio Micheli, fa presente che nei boschi o nelle campagne possono essere frequenti gli incontri con la fauna selvatica: nel caso di cuccioli o adulti feriti il consiglio è quello non toccarli, al fine di peggiorare la situazione. La cosa giusta da fare è chiamare i Carabinieri Forestali al numero 112, i quali daranno indicazioni su come eventualmente muoversi o vi raggiungeranno per risolvere il caso nei modi più opportuni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*