Caos procure: Palamara, ‘non demordo, farò emergere tutta la verità’

 
Chiama o scrivi in redazione


Caos procure: Palamara, 'non demordo, farò emergere tutta la verità'

Caos procure: Palamara, ‘non demordo, farò emergere tutta la verità’

Ex pm a ‘Libero’, ‘mia esperienza a disposizione Partito Radicale per riforma giustizia’

“Non demordo, utilizzerò tutti gli strumenti processuali che l’ordinamento mi mette a disposizione, facendo ricorso all’organo di ultima istanza, perché ho pieno interesse a far emergere tutta la verità su come sono andate le cose”. Luca Palamara, intervistato da ‘Libero’, ribadisce l’intenzione di andare fino in fondo contro la decisione della sezione disciplinare del Csm che lo ha radiato dalla magistratura “per continuare a far valere i miei diritti fino a che mi sarà possibile, passando per le Sezioni Unite e la Corte Europea per i Diritti dell’Uomo, per ristabilire la verità dei fatti”.

“In questo momento, e sottolineo in questo momento, è stato più facile identificare nella mia persona l’unico autore degli accordi all’interno delle correnti – sottolinea Palamara – Ma ciò è accaduto perché non è mai stato spiegato il meccanismo attraverso il quale le correnti operano all’interno della magistratura stessa”. Questo, spiega, “ha creato una sorta di diversità tra ciò che avviene in politica e ciò che avviene in magistratura. Intendo dire che, poiché mai stato reso pubblico il sistema delle nomine all’interno del Csm, quando si è iniziato a parlarne si è gridato allo scandalo. I cittadini conoscono il sistema delle nomine in politica e perciò non lo ritengono scandaloso”.

Quanto all’ipotesi di una ‘manina’ che avrebbe passato le carte ai giornali, “non sta a me stabilire se esista o meno” ma “ciò che è certo è che anch’io sono interessato a comprendere come e perché determinate informazioni siano state divulgate e diffuse in maniera illecita”, assicura Palamara.

Infine, sulla sua partecipazione alla commissione per la riforma della giustizia del partito Radicale chiarisce: “ho ritenuto di voler mettere a disposizione l’esperienza della mia attività per chi si è sempre battuto per questi principi, anche se ho espresso nel corso degli anni diversità d’opinione e d’idee su determinate questioni. Però, poiché ritengo che il tema della giustizia molto importante per la vita dello Stato e dei cittadini, voglio mettere il mio bagaglio personale e professionale a disposizione di tutti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*