Brillata [Video] la bomba di Petrignano, ordigno di 240 kg e 128 di tritolo

Operazioni di bonifica completate con successo, garantita la sicurezza pubblica

Brillata [Video] la bomba di Petrignano, ordigno di 240 kg e 128 di tritolo

Brillata [Video] la bomba di Petrignano, ordigno di 240 kg e 128 di tritolo

Brillata la bomba di Petrignano – Il 6 luglio alle 19.25, i genieri dell’Esercito Italiano, provenienti dal reggimento genio ferrovieri di Castel Maggiore (BO), hanno portato a termine le operazioni di disinnesco e brillamento di un ordigno bellico scoperto a Petrignano, nel Comune di Assisi (PG). 

L’ordigno, una bomba d’aereo di fabbricazione americana del peso complessivo di circa 240 kg e 128 kg di tritolo, risalente al secondo conflitto mondiale, era stato rinvenuto in condizioni di conservazione molto scadenti. 

Le operazioni di bonifica, coordinate dalla Prefettura di Perugia e dal Comando Forze Operative Nord dell’Esercito di Padova, si sono svolte in tre fasi distinte. Inizialmente, nei giorni precedenti, era stata costruita sul luogo di rinvenimento una struttura temporanea di protezione per mitigare gli effetti di un’eventuale esplosione accidentale. 

Successivamente, nella giornata del 6 luglio, si è provveduto alla neutralizzazione dell’ordigno attraverso la rimozione dei sistemi di innesco. Infine, la bomba d’aereo è stata fatta brillare in un’area individuata e predisposta per garantire la pubblica incolumità. 

Per assicurare un’adeguata cornice di sicurezza durante le operazioni di rimozione del sistema di innesco, è stato necessario interdire il traffico di alcune strade adiacenti alla zona di ritrovamento dell’ordigno ed evacuare circa 120 abitanti. 

Considerando la vicinanza dell’aeroporto dell’Umbria “San Francesco d’Assisi”, distante solo alcune centinaia di metri dal luogo del rinvenimento dell’ordigno, per evitare eccessivi disagi, è stata individuata, di concerto con le Autorità aeroportuali, una fascia oraria d’intervento dalle 15.00 alle 18.00. 

L’esperienza degli specialisti dell’Esercito di Castel Maggiore è ben testimoniata dai circa 200 interventi svolti da inizio anno nella propria area di competenza (Regione Marche, Umbria, Repubblica di San Marino e nelle province di Bologna, Forlì Cesena, Rimini e Firenze). 

L’Esercito Italiano, grazie alle sue capacità, è in grado d’intervenire su tutto il territorio nazionale in casi di pubblica utilità ed in situazioni di calamità naturali, dimostrando di essere una risorsa al servizio del Paese. 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*