Bimbo ucciso, foto e video del figlio postati sui social

Bimbo ucciso, foto e video del figlio postati sui social

Bimbo ucciso, foto e video del figlio postati sui social

Fotografie, video, audio, telefonate condivisi sui social dalla donna ungherese di 44 anni, reclusa nella sezione femminile di Capanne per omicidio volontario aggravato. Ora accusata di aver ucciso il figlioletto di due anni.

Fonte: Quotidiani locali dell’Umbria


Lo ha posato sul nastro trasportatore

Otto giorni sono passati quando la ex ballerina è entrata in un supermercato di Po’ Bandino con in braccio il piccolo coperto di sangue. Lo ha posato sul nastro trasportatore, alla cassa, chiedendo aiuto ai presenti. La donna ha fornito molte versioni dei fatti, dall’aggressione da parte di un uomo di colore, all’incidente. Non ha mai confessato il delitto ma ha continuato solo a ripetere quanto amasse suo figlio. Versioni che non hanno convinto gli inquirenti.

Bambino di due anni ucciso e portato al supermercato, fermata la madre 🔴📸 FOTO E VIDEO

I file erano già stati diffusi tra i suoi contatti a Budapest

Tutti quei file erano già stati diffusi tra i suoi contatti a Budapest prima dell’arrivo in quel supermercato. E a quella lista ora si aggiungono le telefonate con il padre del bambino a cui la donna disperata chiedeva che per due o tre non avrebbe più rivisto il bambino, perché i servizi sociali avevano deciso affidamento esclusivo al padre. E lei si era opposta con la fuga in Italia, il 23 settembre, sottraendo il bambino al padre. Sarà una perizia dei Ris – già richiesta dal sostituto procuratore Manuela Comodi – a dover stabilire se quei documenti provengono proprio dal cellulare della donna.

Come la donna sia arrivata in Italia non ci sono certezze

Come la donna sia arrivata in Italia non ci sono certezze, qualcuno forse l’ha aiutata a scappare. Un biglietto del treno Roma-Chiusi è tra gli oggetti sequestrati dai carabinieri del Nucleo operativo di Città della Pieve a casa dell’uomo che le ha offerto asilo per una notte a Chiusi.

Bambino di due anni ucciso e portato al supermercato, la madre è in carcere

Il cappellano del carcere, oltre a essere parroco di San Giovanni Apostolo a Ponte d’Oddi, intanto ha incontrato più volte, la donna. Il padre del piccolo Alex arriverà in Italia martedì. E’ pronto a incontrare gli inquirenti e raccontare il rapporto travagliato con la donna. La ex ballerina lunedì incontrerà il suo avvocato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*