Bimbo di un anno, da rianimazione di Perugia al Meyer di Firenze

Bimbo di un anno, da rianimazione di Perugia al Meyer di Firenze

Bimbo di un anno, da rianimazione di Perugia al Meyer di Firenze

Il piccolo paziente di un anno d’età arrivato ieri al Pronto Soccorso dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia è stato stabilizzato e trasferito alle 13.45 di oggi – con l’elisoccorso – al Meyer di Firenze, centro pediatrico di riferimento.

Il piccolo era stato ricoverato in gravi condizioni, ieri, dopo che la mamma l’aveva trasportato in ospedale in arresto cardiaco e ipotermia. Sul bambino sono state riscontrate anche alcune lesioni di natura non ancora chiara.

Secondo quanto risulta è stata avviata un’indagine, condotta dalla Procura della Repubblica diretta da Raffaele Cantone, per chiarire quanto successo. C’è il forte sospetto che il piccolo possa essere stato vittima di maltrattamenti. Si sa, da fonti non ufficiali, che il bambino – che vive in un contesto sociale difficile – sia stato in ospedale in passato già altre volte nella sua piccola esistenza.

Autorità giudiziaria

Gli inquirenti non escludono comunque al momento alcuna ipotesi. La madre avrebbe riferito ai medici che il figlio aveva rischiato di soffocare dopo avere mangiato un biscotto e dopo che lei le aveva gettato dell’acqua fresca addosso.

Bimbo di un anno in rianimazione, ha anche diverse fratture

Era già stato ricoverato in ospedale a marzo per una frattura all’omero destro il bambino di un anno che da domenica è nell’Unità di terapia intensiva neonatale a Perugia con riserva di prognosi. Lo hanno evidenziato gli accertamenti diagnostici dei quali riferisce la procura della Repubblica in un comunicato. Gli esami hanno portato alla luce anche un frattura alla testa e una tumefazione nella stessa area. Il bambino, di origine straniera, domenica è stato portato in ospedale con un’auto da un connazionale amico della madre. Sono in corso indagini da parte della squadra mobile di Perugia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*