Agente arrestato per avere portato telefoni in carcere Terni

Detenuto incendia la cella del carcere, 6 agenti feriti a Terni

Agente arrestato per avere portato telefoni in carcere Terni

Un assistente della polizia penitenziaria di 38 anni, in servizio nel carcere di Terni, è stato arrestato in flagranza. L’accusa – secondo quanto si apprende – è quella di avere introdotto illecitamente all’interno della struttura una ventina di telefoni cellulari e altri dispositivi elettronici, in particolare pennette Usb, oltre che droga e soldi in contanti. Il materiale è stato scoperto nella giornata dell’antivigilia di Natale in una stanza in uso alla penitenziaria e subito ricondotto all’agente, poi arrestato. Le indagini vengono portate avanti nel massimo riserbo dalla stessa polizia penitenziaria, che punta ora a ricostruire a chi fosse destinato quanto sequestrato e se il poliziotto abbia agito autonomamente o all’interno di una rete più ampia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*