Accoltellamento via della Pescara a Perugia, aggressore ha le ore contate

 
Chiama o scrivi in redazione


Accoltellamento in via della Pescara a Perugia, ferito al cuore, operato d'urgenza

Accoltellamento via della Pescara a Perugia, aggressore ha le ore contate

Il 40enne accoltellato ieri sera si è svegliato dopo aver subito un lungo intervento chirurgico. I Carabinieri sono sulle tracce dell’accoltellatore: si tratterebbe di un 18enne magrebino immortalato dalle telecamere di sorveglianza del locale.

Il 40enne è stato colpito da alcune coltellate profonde davanti agli occhi della fidanzata. Una all’addome e la più grave al cuore. Il fattaccio è accaduto all’esterno di un bar in via della Pescara, ad angolo con la via XX Settembre, a Perugia. La vittima è stata colpita da un magrebino che poi si è dato alla fuga insieme a un amico.

La violenza è esplosa all’improvviso, per motivi ancora ignoti. I Carabinieri della Compagnia di Perugia, guidati dal maggiore Pierluigi Satriano, hanno raccolto le testimonianze di chi ha assistito alla scesa e visionato le telecamere. Al vaglio le immagini di videosorveglianza del locale e della zona per cercare di dare un nome e un volto al responsabile. E’ in corso una caccia all’uomo. Il fuggitivo non è stato ancora identificato.

Le telecamere hanno ripreso una parte dell’accoltellamento. Secondo quanto emerge l’aggressore (il magrebino) sarebbe entrato a comprare le sigarette, fuori ne avrebbe acceso una. Resta sotto il tendone del bar perché inizia a piovere. Con lui c’è un altro ragazzo (forse italiano).

LEGGI ANCHE: Accoltellamento in via della Pescara a Perugia, ferito al cuore, è caccia all’uomo

Il 40enne, che di mestiere fa l’amministratore di condominio, poco dopo entra nel bar insieme alla fidanzata, una donna cinese. Comprano le sigarette. Tutto comincia qui in questi attimi. Le testimonianze parlano di qualche apprezzamento nei confronti della giovane fidanzata (che non è rimasta ferita). Il 40enne avrebbe chiesto spiegazioni e lì sarebbe cominciata una prima discussione tra i due con alcune parole e qualche spinta.

Poi il 40enne si allontana e la scena si sposta in strada. “Al termine della discussione – riferiscono le Forze dell’Ordine  – lo straniero ha estratto il coltello e ha inferto tre coltellate all’italiano e dopo di che si è dileguato insieme all’amico, facendo perdere le tracce”. Da capire anche se i due si conoscessero.

Il ferito ha tentato di rialzarsi, ma si è accasciato su una sedia. Immediata la chiamata al 118. L’ambulanza in pochi minuti ha raggiunto la zona e trasportato il 40enne in ospedale dove i medici lo hanno sottoposto ad un intervento chirurgico d’urgenza.

Il ferito – come comunica l’azienda ospedaliera – è stato operato in cardiochirurgia dal dottor Davide di Lazzaro, seguito dagli anestesisti, la dottoressa Franca Bocci e Fabio Mencarelli. Attualmente è in terapia tipoc (terapia intensiva post operatoria cardiochirurgica).

LEGGI ANCHE: Accoltellamento via della Pescara, la solidarietà dell’assessore e del senatore

Le ferite sono due – fa sapere l’azienda ospedaliera -. La prima parasternale sinistra che ha provocato una lesione della parete del ventricolo destro che è stata trattata e suturata. La seconda ferita, meno grave e superficiale, alla parete addominale che non necessita di intervento chirurgico.

Gli esami diagnostici, compresa la tac, sono negativi quindi non ha lesioni, ne addominali, ne polmonari agli organi interni. La prognosi è riservata. Il ferito è un amministratore di condominio nella zona. Gli esami diagnostici, compresa la tac, sono negativi quindi non ha lesioni, ne addominali, ne polmonari agli organi interni. La prognosi è riservata.

Il fatto è accaduto ad appena cinque giorni di distanza dall’accoltellamento in centro storico, tra piazza della Repubblica e corso Vannucci,

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*