Palio 2008 ai giallo-blu di San Martino

(UJ.com) NOCERA UMBRA Dopo la vittoria del premio speciale della giuria per il valore dei cortei storici, della cucina d’epoca e delle rappresentazioni teatrali, Borgo San Martino totalizza anche il maggior punteggio ai giochi sportivi della domenica e torna nell’albo d’oro, dopo sei anni di assenza. Nel pomeriggio la gara equestre del Roccio, che ha visto protagonisti Federico Minestrini e l’amazzone diciassettenne Eleonora Gammaitoni, prima donna fantino nella storia del Palio, si è conclusa - dopo il duplice ricorso alla giuria e la verifica delle contestazioni con il rallenty delle immagini video – con un punteggio di 11 pari. Dopo il pareggio sofferto al Campo dei Giochi, la sera gli atleti giallo-blu hanno dato grande prova di velocità e di resistenza nella staffetta e nella gara della portantina, andando progressivamente ad annullare il margine di vittoria degli avversari e aggiudicandosi il Palio 2008 con un punteggio complessivo di 33 punti contro i 27 dei rosso-verdi. A determinare la vittoria, penalizzata dal fatale tradimento di qualche “dama”, è stata anche la scelta strategica, certamente ponderata, di mettere in campo, per i tratti decisivi delle due gare, le punte di diamante della squadra atletica. La serata si è conclusa a mezzanotte in piazza Caprera con la consegna del Palio 2008, firmato da Xavier Vantaggi, al Quartiere vincitore e con fuochi d’artificio che hanno illuminato a festa il cielo di Nocera Umbra. Il sindaco Donatello Tinti e il presidente dell’Ente Palio Alessandro Giovannini, hanno sottolineato che è la città intera ad aver vinto questa sedicesima edizione del Palio, grazie all’impegno di tutti i contradaioli e al nutrito pubblico di nocerini, di visitatori e di turisti che ha affollato le strade e le piazze di Nocera fino alle premiazioni della mezzanotte, onorando i cinquantaquattro atleti che hanno partecipato all’Olimpiade nocerina: dieci cavalieri, 12 staffettisti e 32 podisti che hanno corso sorreggendo la portantina con il “priore”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*