Libri, Moreno Montagnolo, “Teresanda e il profumo delle rose”

Moreno Montagnolo
Moreno Montagnolo
Moreno Montagnolo

di Luana Pioppi
TERNI – Si intitola “Teresanda e il profumo delle rose” il secondo libro scritto dal ternano Moreno Montagnolo che è stato presentato nei giorni scorsi alla fiera internazionale del libro di Torino.

Il volume, edito da Silvia Denti dell’Editrice Divinafollia, narra una storia al femminile, dove tutto ha inizio dall’esigenza di reagire ad un mondo
che tenta di schiacciare Teresanda nel tentativo di annullare la sua capacità
di sognare, di vivere intensamente la propria esistenza. La storia, partendo dauna questione di grande attualità come la mancanza di lavoro, si snoda tra personaggi eccentrici quanto senza scrupoli, che prendono forma dalla penna
dello scrittore in una complessa analisi a tratti psicologica.

Tra i flutti della vita, la protagonista riesce a ritrovare ancora una volta la forza che la
 contraddistingue e che, in un mare di sensazioni contrastanti, non la fa naufragare nel torbido mare della delusione e della malattia. Nel proprio
bisogno di amore e di sogno, la protagonista ritroverà la luce in un 
inaspettato cammino dove il tempo e lo spazio si annullano.

Moreno Montagnolo è nato a Montegabbione di Terni il 3 maggio 1958, dove vive. È stato operaio metalmeccanico, poi imprenditore. Oggi è un libero professionista. Questo è il suo secondo libro, il primo è stato “Fuoco antico” (2005). È un’amante dell’arte in generale. Coltiva da molti anni la passione per la pittura che esprime attraverso quadri astratti e del suo pittore preferito Vincent Van Gogh.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*