La beffa per chi alloggia in albergo: ristorante vietato senza certificato

Albergatori in grossa difficoltà, la protesta!

La beffa per chi alloggia in albergo: ristorante vietato senza certificato

La beffa per chi alloggia in albergo: ristorante vietato senza certificato

di CARLO TARALLO*
Le regole per l’obbligatorietà del green pass non sono ancora chiare, e uno dei settori in preda all’incertezza è quello delle strutture ricettive. Per alloggiare in albergo, infatti, il governo non ha previsto l’obbligo del certificato vaccinale. Libertà, quindi? Non esattamente, perché si pone un problema molto serio, quello delle restrizioni che restano ancora in piedi, almeno secondo una prima lettura del testo da parte delle associazioni di categoria, per i ristoranti interni agli hotel, così come per bar, palestre, piscine.

In sostanza: è vero che una famiglia sprovvista del green pass può tranquillamente prenotare un soggiorno in albergo, ma non potrà fare colazione nella sala interna, pranzare o cenare nei bar e ristoranti interni, usufruire di servizi al chiuso come piscina, palestra, centro benessere e via dicendo.

Stesso discorso per una famiglia nella quale i genitori sono vaccinati e in possesso di green pass, ma i figli adolescenti no: in assenza di sale ristorante, piscine e palestre all’aperto, la famigliola per non dividersi dovrà prenotare solo il pernottamento, ma senza nessun altro servizio, per poi organizzarsi in bar e ristoranti a ll ’aperto per colazione, pranzo e cena.

«Premesso che siamo tutti in attesa di chiarimenti», dice alla Verità Antonio Izzo, presidente di Fede alberghi Napoli «di fronte a ciò che abbiamo letto, le indicazioni sono queste. Per soggiornare in albergo non è richiesto il green pass, per accedere al bar e stare seduti, al ristorante, in piscina, alla spa o in palestra, al chiuso, bisogna essere muniti del certificato di vaccinazione.

Naturalmente», aggiunge Izzo, «gli hotel che sono dotati di un roof, di sale ristoranti, piscine e palestre all’aperto, non hanno problemi, ma non tutte le strutture dispongono dei necessari spazi esterni». «Le recenti norme del green pass», conferma Giovanni Battaiola , presidente dell’Associazione albergatori ed imprese turistiche della Provincia di Trento, «stanno generando confusione soprattutto perché a stagione in corso e a prenotazioni già effettuate si introducono restrizioni che prevedono anche per gli alloggiati nelle strutture ricettive il controllo del certificato verde in caso di accesso al ristorante interno all’albergo.

Anche in Trentino», aggiunge Battaiola , «molte aziende nostre associate segnalano disdette di prenotazioni in quanto non è poco frequente che in una famiglia ci siano persone vaccinate e altre, in particolare i minori sopra i dodici anni, che non lo sono. Questo è spesso motivo di impedimento a confermare la prenotazione e la presenscelta per la vacanza. Fedealberghi ha sollevato presso le competenti sedi a livello nazionale un intervento che chiarisca la questione», rimarca Battaio la, «e soprattutto modifichi la norma attuale che appare confusa e contraddittoria tenuto conto che in albergo si accede senza green pass, mentre appunto sarebbe obbligatorio per la fruizione del ristorante interno».

Bernabò Bocca, presidente nazionale di Federalberghi, teme per le prenotazioni già effettuate con la formula della mezza pensione: «Le ultime norme sul green pass», dice Bocca , «hanno generato qualche incertezza che potrebbe ripercuotersi sull’andamento della stagione in corso. A fronte di queste impreviste restrizioni che prevedrebbero il controllo della certificazione verde nei ristoranti interni all’hotel anche per gli alloggiati, si teme che vi possano essere cancellazioni.

  • gli albergatori hanno già posto in essere con la clientela contratti di mezze pensioni

Ricordiamo», aggiunge Bocca, «che gli albergatori hanno già posto in essere con la clientela contratti di mezze pensioni che nessuno vorrebbe assolutamente disattendere». Secondo uno studio dell’associazione, il giro d’affari complessivo della stagione turistica 2021 in Italia, includendo le spese di viaggio, vitto, alloggio e divertimenti), toccherà i 22,7 miliardi di euro contro i 14,3 miliardi di euro dello scorso anno (+58,7% circa). Di questi, però, solo il 21,4% è destinato ad essere speso per il pernottamento, quindi in sostanza neanche 5 miliardi arriveranno alle imprese ricettive.

La Verità di oggi

 

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*