Consegnati i primi “Patentini per l’uso dello smartphone” in Umbria

Consegnati i primi “Patentini per l’uso dello smartphone” in Umbria. Ispirata da una buona pratica del Piemonte

Sono stati consegnati i primi “Patentini per l’uso dello smartphone” in Umbria

Ispirata da una buona pratica del Piemonte, si è svolta quest’anno la fase pilota del progetto promosso dall’Ufficio scolastico regionale con la collaborazione dell’Equipe Formativa Territoriale.


Fonte Ufficio Stampa
Direzione Regionale Umbria


L’evento conclusivo del progetto si è svolto nell’Aula magna dell’Ufficio stesso con il saluto del Dirigente Titolare del dott. Repetto Sergio alla presenza del Dirigente Tecnico dott. Francesco Mezzanotte, ospiti la prof.ssa Floriana Falcinelli dell’Università degli studi di Perugia, la dott.ssa Simonetta Leonardi dell’Equipe Formativa Territoriale dell’Umbria, di circa cinquanta persone tra studenti, docenti e genitori e…di 70 classi in collegamento dalle scuole.

L’evento si è posto a conclusione del percorso formativo e delle attività che hanno visto in questa prima fase pilota 29 scuole della regione partecipare e 130 classi affrontare il test finale. Il progetto consta di un percorso di formazione rivolto alle scuole secondarie di primo grado, portato avanti dai docenti avvalendosi di un kit di materiali predisposti da esperti.

È finalizzato all’uso consapevole dello smartphone, all’acquisizione di comportamenti corretti e funzionali nel navigare, nell’essere fruitori e protagonisti attivi nella circolazione delle informazioni e nella relazione online. Vede, inoltre, coinvolte anche le famiglie, cui vengono proposte risorse per la formazione, ma anche un Patto da firmare insieme ai figli. Maggiori informazioni sul progetto sono disponibili sulla piattaforma dedicata.

Particolarmente interessanti le testimonianze portate dagli studenti presenti, che raccontano di aver potuto acquisire una nuova consapevolezza non solo teorica, ma arricchita da strategie d’uso e suggerimenti pratici sul come usare lo smartphone in modo funzionale e sicuro, ma anche dai docenti e dalle famiglie che hanno potuto apprezzare la risposta entusiasta degli studenti e il coinvolgimento di tutti nelle attività, nonché la maturazione di comportamenti responsabili. Il progetto ripartirà a settembre e sarà rivolto a tutte le scuole secondarie di primo grado che vorranno aderir

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*