Basket, Galli allenerà l'Under dell'Umbertide

UMBERTIDE – E’ ufficiale. Susanna Galli dalla prossima stagione non allenerà più il Foligno, formazione che milita nel campionato di basket femminile di serie B2, ma si occuperà del gruppo delle <b>under</b> 17 e 19 della Liomatic Umbertide.<br />“Sono molto felice della scelta che ho fatto” dichiara la perugina Galli. Susanna oltre ad avvere allenato varie squadre in Umbria come il Bc Perugia, il Don Bosco Perugia e il Madonna Alta ha un passato da giocatrice di serie A con un curriculum di tutto rispetto. Ha preso parte a  17 campionati di serie A (con 3 promozioni nella massima serie), 13 presenze in nazionale maggiore ed  un All Star Game disputato a Madrid. Ma non è tutto. Pur avendo appeso le scarpette al chiodo Galli, circa un settimana fa, ha vinto l’Oro con la nazionale Italiana di basket femminile over 30 durante gli Europei tenuti a Pesaro. Grazie a questo traguardo potrà partecipare ai Mondiali in programma a praga il prossimo anno. <br />“E’ stata un’esperienza unica, incredibile, - prosegue Susanna - per me è stato come aver fermato il tempo. Ho ritrovato tante amiche con le quali avevo condiviso la mia carriera (Fullin, Pollini, Gaspardo, Ballabio, Todeschini fra le altre, ndr), ed in questo senso ha svolto un’opera fondamentale Elena Paparazzo, fra l’altro ancora in attività, che si è spesa in prima persona per l’organizzazione dell’evento. Devo dire che, all’inizio, tutto questo aveva quasi  esclusivamente il sapore di una rimpatriata. Poi, calateci progressivamente nella parte, ci siamo tolte questa grossa soddisfazione, qualificandoci  inoltre per i mondiali dell’anno prossimo a Praga”.<br />In merito alla sua scelta di andare ad Umbertide Galli afferma anche: “Io sono stata una professionista e voglio cercare di progredire, sono un tipo ambizioso; a me piace l’idea di poter  lavorare in un ambiente che rispecchi il più possibile queste caratteristiche ed Umbertide sposa in pieno le mie aspettative, le nostre idee coincidono”.<br />Quanto ha pesato nella tua scelta l’amicizia con Angela Arcangeli?<br />“Sicuramente Angela è stata un collante fondamentale, la persona che per prima ha lavorato in questo senso. Devo comunque sottolineare che già conoscevo alcuni dirigenti della Liomatic (Enrico Cavalaglio e Federico Rinaldi ndr), ed ammetto che mi sono venuti quanto più possibile incontro capendo, fra l’altro, le mie esigenze di mamma.Ho  trovato insomma tutto ciò che andavo cercando in questo momento”.<br />Conosci  le ragazze che andrai ad allenare?<br />“Sì, conosco la maggior parte delle ragazze che faranno parte del mio gruppo di lavoro. Alcune, quelle che facevano parte del progetto azzurrina, le ho già allenate in precedenza e so quindi più compiutamente quali sono le loro caratteristiche; molte altre le ho affrontate da avversarie e credo che tutte insieme costituiscano una base sulla quale poter lavorare con profitto per il futuro”.<br />Come giudichi  la prima squadra ed il suo avvio di campionato?<br />“Non posso dare un mio parere sull’argomento – termina Susanna Galli – perché non conosco direttamente le ragazze, anche se mi hanno riferito essere un buon gruppo. Per  quel  che riguarda il calendario, non vi è dubbio che la partenza sia in salita ma, con l’esperienza che ho maturato, posso dire che la Liomatic debba puntare sul fattore sorpresa , sul suo status di neopromossa; se riuscirà ad intraprendere questa strada, unita ad una sicura qualità di base, sono convinta che potrà togliersi delle soddisfazioni anche rispetto a partite sulla carta proibitive”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*