A Città di Castello due arresti per droga

<p>CITTA' DI CASTELLO - Proseguono con efficacia i controlli antidroga predisposti da questa Compagnia in tutto il territorio di competenza. Nella giornata di ieri, a conclusione di articolate indagini intraprese da tempo, sono stati infatti raggiunti due importanti risultati che hanno interrotto alcuni significativi canali di spaccio di sostanze stupefacenti nel comprensorio:<br />a. i Carabinieri del dipendente Nucleo Operativo e Radiomobile, avendo acquisito a seguito di indagini concreti elementi di colpevolezza a suo carico, sono intervenuti traendo in arresto un cittadino marocchino di 21 anni residente ad Umbertide. Lo stesso è stato bloccato in questo centro a bordo di un’autovettura con altri due ragazzi del posto. A seguito di perquisizione il cittadino marocchino è stato trovato in possesso di oltre un etto di hashish suddiviso in dosi e pronto per lo spaccio, oltre a circa 1 grammo di cocaina. Lo stesso è stato quindi tratto in arresto per spaccio di sostanze stupefacenti, sequestrando anche a suo carico il telefono cellulare e la somma di circa € 200,00 in contanti, provento dell’attività di spaccio. La posizione dei due ragazzi, entrambi maggiorenni residenti a Città di Castello, è tuttora al vaglio per una possibile ipotesi di segnalazione ex art. 75 DPR 309/90 quali assuntori di sostanze stupefacenti. L’arrestato, dopo aver passato la notte nella camera di sicurezza di questa caserma, sarà processato con rito direttissimo nella mattinata odierna presso il locale Tribunale. Con questa operazione si ritiene sia stato bloccato un importante canale di rifornimento di droghe nell’Alta Valle del Tevere, essendo la persona arrestata punto di riferimento per i consumatori locali soprattutto tra Umbertide e Città di Castello.</p><p>b. I Carabinieri della Stazione di Trestina, a conclusione delle indagini intraprese qualche mese or sono, hanno denunciato un 40enne di Città di Castello per “traffico illecito di sostanze stupefacenti”. A suo carico sono emersi indizi di reità in ordine allo spaccio di droghe che era solito lasciare in posti diversi e, a volte impensabili (addirittura all’interno delle cassette per le offerte delle chiese cittadine), indicando di volta in volta il luogo dove si trovava la sostanza stupefacente agli acquirenti. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati circa grammi 2 di cocaina e circa grammi 3 di eroina.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*