Sala dei Notari, cominciati i lavori di restauro, delle tre vetrate finanziate con Art Bonus

Sala dei Notari, cominciati i lavori di restauro, delle tre vetrate finanziate con Art Bonus

Sono cominciati a palazzo dei Priori i lavori propedeutici al restauro delle prime tre vetrate della sala dei Notari. L’intervento, finanziato dal compianto Notaio Mario Briganti nell’ambito della campagna Art bonus dell’anno 2018 per complessivi 50mila euro, è cominciato nella giornata del 2 novembre e si protrarrà fino al giorno 3 novembre con lo smontaggio delle vetrate, finalizzato al trasporto delle stesse presso la sede della ditta, assegnataria dell’appalto, “Guido Polloni & c.” di Firenze, azienda storica, fondata nel 1919, specializzata nel restauro delle vetrate antiche.


da Comune di Perugia
ufficio stampa


E’ iniziato – spiega uno dei soci dell’azienda Renzo Cappelletti – il distacco delle vetrate cosiddette “a rulli” particolarmente belle e prestigiose trattandosi di “rulli soffiati veneziani” oggi prodotti esclusivamente da un’azienda tedesca.

I lavori consisteranno in un restauro conservativo, con pulizia manuale e sostituzione dei vetri rotti; successivamente si valuterà, unitamente alla Soprintendenza, cosa fare della struttura in piombo delle vetrate che appare in buono stato e robusta.

Sarà poi la volta della fase intermedia con rifacimento delle saldature a stagno, in quanto rotte, che collegano i piombi. Seguirà la stuccatura fatta a mano in modo da impermeabilizzare ed irrobustire la struttura vetro-piombo e la ricostituzione delle legature in piattina di rame, perché molte di queste hanno ceduto.

Infine è bene ricordare che, oltre alle tre vetrate oggetto di intervento attualmente, nell’elenco delle opere da finanziare nella campagna Art bonus 2021, sono state inserite le ultime otto vetrate della sala dei Notari che si affacciano su Corso Vannucci per un importo di 121mila euro. Tutte le informazioni utili sulla sezione art bonus del sito del Comune di Perugia: artbonus.comune.perugia.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*