Raffaello, ciclo di conferenze che la Stranieri dedica all’artista urbinate

Raffaello Sanzio centenario morte pittore iniziative in Umbria

Raffaello, ciclo di conferenze che la Stranieri dedica all’artista urbinate

Prende avvio il prossimo mercoledì 6 maggio alle ore 18:00, sul canale youtube dell’Università per Stranieri di Perugia, il primo appuntamento del ciclo di conferenze “raffaellesche” che Michele Dantini, storico e critico dell’Arte, curatore di mostre internazionali e professore di Storia dell’Arte contemporanea presso la Stranieri ha curato nell’ambito del programma di celebrazioni che la città di Perugia dedica all’artista urbinate, nel 500mo anniversario della sua morte.

Saranno i contemporanei riverberi artistico letterari di Raffaello, in particolare, l’oggetto d’indagine di questi incontri, i quali verranno dedicati a: <<Fëdor Dostoevksij e  Bernard Berenson: due episodi maggiori di fortuna modernista di Raffaello a cavallo tra Otto e Novecento>>.

La scelta di Michele Dantini, in questo senso, è tutt’altro che scontata, poiché la distanza estetica dall’artista urbinate che gli ultimi due secoli hanno parso registrare, è  – di fatto – apparente:  la fortuna di Raffaello, in realtà, non si arresta certo alle soglie del dell’Otto Novecento, come dimostrano i casi di Picasso, de Chirico e Dalì, appassionati cultori dell’arte raffaellesca, particolarmente del disegno.

Nella prima conferenza Dantini ci porterà nel mondo della letteratura russa dell’Ottocento, parlandoci della Madonna Sistina (1513-1514), opera oggi conservata a Dresda, la quale gioca un ruolo di inattesa rilevanza in uno scrittore come Fëdor Dostoevskij, tanto da divenire cruciale nella costruzione di almeno due grandi romanzi e considerata dallo scrittore russo modello di ogni arte a venire, addirittura suscitata dalla divinità e non semplice frutto di impegno o abilità umane.

Il secondo appuntamento, la cui data e ancora da calendarizzare, sarà dedicato al grande studioso e conoscitore di arte antica Bernard Berenson (1865-1959).

Estimatore di Cézanne, come di Matisse e del Picasso precubista, Berenson scrive estesamente di arte umbra dal Tre al Quattrocento, dedicando un intero volume, (1897) ai «Pittori rinascimentali del Centro Italia», e contribuendo in misura decisiva alla “riscoperta” dei Maestri “primitivi”.  E saranno le categorie da lui messe a punto per descrivere e riconoscere l’originalità della pittura umbra, come ci illustrerà Dantini, a trovare poi importante applicazione in Cézanne, nell’impressionismo e nel post-impressionismo francese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*