NOTE NEL DESERTO. IL PIANISTA UMBRO MAURIZIO MASTRINI IN CONCERTO TRA LE DUNE DI DUBAI

Maurizio Mastrini
Maurizio Mastrini

(umbriajournal.com) PERUGIA – Un’esperienza polisensoriale, sulle note di un pianoforte, in un contesto suggestivo e straordinario. Continua a stupire Maurizio Mastrini, eclettico pianista umbro che ha fatto della ricerca di una commistione unica tra performance artistica e location la propria riconosciuta cifra stilistica. Dopo il “concerto del fuoco” alle pendici dell’Etna, il “canto al sole” tra i sassi di Matera, all’alba, e il concerto nella neve di Folgaria, il talentuoso artista italiano sarà protagonista di un’attesa esibizione nel deserto di Dubai, sabato 23 novembre alle 19. Promosso da Mauro Marzocchi, segretario generale della Camera di Commercio Italiana negli Emirati Arabi Uniti, e da Mohammed El Aghoury, manager di Bab Al Shams Desert, il concerto vedrà Mastrini proporre nello scenario unico del deserto al tramonto il proprio coinvolgente viaggio sulle note di Fly, suo ultimo e apprezzato lavoro discografico. Album con cui il pianista umbro, in questi mesi, ha avuto l’opportunità di esibirsi in giro per il mondo e che, nel 2014, lo porterà a collaborare con Flavio Emilio Scogna, tra i direttori d’orchestra più quotati al mondo, Dante Milozzi, flautista di fama mondiale e primo flauto dell’orchestra della Rai di Torino, Stave Menzis musicista e produttore Londinese che vanta produzioni con colossi della musica mondiale .

“Il concerto a Dubai, pensato tra l’altro per un pubblico esclusivo – sottolinea lo stesso Maurizio Mastrini – è sicuramente uno dei momenti più importanti della mia carriera fino a ora. Un percorso che, per me artigiano della musica, è partito dal borgo umbro dove io ancora vivo, un piccolo paese che guarda al Lago Trasimeno, da cui tutto è nato e dove mi rifugio per creare e suonare”. Suggestioni e atmosfere che dal cuore verde d’Italia, il 23 novembre, si adageranno sui tappeti della straordinaria “sala da concerti” del deserto arabo, in un’ideale congiunzione di culture e anime nel segno della buona musica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*