Narni. Le vie del cinema, il 5 agosto proiezione di I Clowns di Fellini

Narni. Le vie del cinema, il 5 agosto proiezione di I Clowns di Fellini. Dal 1° al 6 agosto, ogni sera a partire dalle ore 21.00

Narni. Le vie del cinema, il 5 agosto proiezione di I Clowns di Fellini

Dal  al 6 agosto 2022 la città di Narni (TR) ha ospitato e continua ad ospitarela 28ma edizione di “Narni. Le vie del cinema”; la Rassegna di cinema restaurato diretta da Giuliano Montaldo e Alberto Crespi e organizzata per iniziativa del Comune di Narni con la collaborazione della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e con la Scuola Internazionale di Comics di Roma.

Verrà proposta una ricca selezione di film di recente recupero, che saranno proiettati ogni sera a partire dalle ore 21.00 sul grande schermo allestito nel Parco pubblico “Bruno Donatelli” di Narni, a ingresso gratuito.

La lista dei film selezionati inizia con Per grazia ricevuta, di Nino Manfredi: film del celebre attore e regista romano per il quale ricevette nel 1971 a Cannes il premio per la miglior opera prima. Il film verrà introdotto dall’attore Francesco Montanari (Romanzo criminale – La serieIl cacciatore) e da Andrea Ciaffaroni, autore della biografia “Alla ricerca di Nino Manfredi”, uscita nel 2021 per l’editore Sagoma.

Si prosegue con Caro Michele di Mario Monicelli: tratto dal romanzo del 1973 di Natalia Ginzburg, il film racconta la storia di un ex-sessantottino esiliato a Londra.

Il film valse a Mariangela Melato il David di Donatello e il Nastro d’Argento come miglior attrice protagonista. Caro Michele sarà presentato al pubblico dalla scrittrice e giornalista Sandra Petrignani, autrice del saggio biografico La corsara. Ritratto di Natalia Ginzburg.

Il 3 agosto è salito sul palco di Le vie del Cinema il regista e sceneggiatore Gianni Amelio (Hammamet) per presentare Pasqualino Settebellezze di Lina Wertmüller: sarà l’occasione per (ri)vedere uno dei film della grande regista in cui Giancarlo Giannini interpreta uno dei suoi ruoli più famosi. Con Venga a prendere il caffè da noi avremo l’occasione di riscoprire uno dei film migliori di Alberto Lattuada, tratto dal romanzo “La spartizione” di Piero Chiara, il cui cast è composto da – tra gli altri – Ugo Tognazzi, Francesca Romana Coluzzi e Milena Vukotic, che verrà di persona a presentare il film.

Il 5 agosto è la volta de I clowns di Federico Fellini, documentario televisivo del celebre regista in cui viene analizzata, anche sotto un punto di vista storico, la figura del clown in tutta Europa. A presentarlo sarà Liana Orfei, che compare anche nel documentario in quanto parte della celebre dinastia circense di fama internazionale. Si chiude la rassegna con Mamma Roma di Pier Paolo Pasolini nel suo recente restauro in digitale (4K) realizzato in occasione del centenario Pasoliniano: un modo per riscoprire un grande classico del cinema italiano che vede protagonista l’intramontabile Anna Magnani.

La rassegna parallela alla classica selezione di pellicole restaurate proporrà ogni sera su grande schermo a partire dalle ore 21.00, in un’ala laterale del Parco pubblico “Donatelli”, una selezione di film animati dedicati ai più piccini. Saranno proposti: Basil l’investigatopo di Ron Clements,

John Musker, David Michener e Burny Mattinson; Fievel sbarca in America di Don Bluth; La strada per Eldorado di Don Paul e Eric Bergeron; Brisby e il segreto di Nimh di Don Bluth; Totò Sapore e la magica storia della pizza di Maurizio Forestieri; A Bug’s Life – Megaminimondo di John Lasseter e Andrew Stanton (co-regia).

  • Scheda del film:

I CLOWNS

di Federico Fellini – ltalia/Francia/RFT, 1970, 93′

Narratore Federico Fellini. Con Riccardo Billi, Tino Scotti, Fanfulla, Pierre Etaix, Liana Orfei, Nando Orfei, Rinaldo Orfei, Anita Ekberg. sceneggiatura di Federico Fellini e Bernardino Zapponi.


1970: Premio Pasinetti al Festival del Cinema di Venezia;
1971: Nastro d’argento ai migliori costumi e alla migliore musica;
1971: David di Donatello speciale per la produzione;
1971: National Board of Review per il miglior film straniero.


Sinossi: Il film comincia con un ricordo semi-autobiografico dell’infanzia di Fellini, quando andò per la prima volta al circo. Il regista rimase turbato dallo spettacolo, in particolar modo quando entrarono in scena i pagliacci. Dunque, da questa sorta di trauma infantile, Fellini realizzò un reportage in tutta l’Europa per comprendere e analizzare la figura storica e professionale dei clowns.

Restauro a cura di CSC – Cineteca Nazionale, Cinecittà Luce, Cineteca di Bologna nell’ambito del progetto Fellini 100

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*