Operaprima UmbriaEnsemble Equilibri dinamici Chiostro Accademia Belle Arti Perugia

Dedicatario di questa affascinante opera prima è l’Orchestra “I Solisti dell’Umbria”

 
Chiama o scrivi in redazione


Operaprima UmbriaEnsemble Equilibri dinamici Chiostro Accademia Belle Arti Perugia

Operaprima UmbriaEnsemble al Chiostro Accademia Belle Arti Perugia Con dodici Musei in diversi Municipi aderenti al circuito “Terre e Musei dell’Umbria” e con altrettante istallazioni distribuite in un arco di tempo da Giugno a Novembre 2016, Operaprima si presenta come uno degli eventi culturali più originali, articolati e qualificati della programmazione artistica dell’estate in Umbria. Nata dalla sinergia tra SistemaMuseo e l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia – fondata nel lontano 1573, storicamente seconda solo a quella di Firenze datata 1562 – Operaprima, che si giova della cura generale di Lucilla Ragni, è una rassegna di arte globale. Perché mette a confronto passato e futuro, con i Musei che si aprono a nuovi allestimenti, e le arti tra di loro, con le ragionate contaminazioni tra arti visive e Musica.

© Protetto da Copyright DMCA

A Perugia, Venerdì 9 Settembre, con inizio dalle ore 21, il tredicesimo appuntamento della rassegna Operaprima merita una speciale attenzione: non solo perchè baciato dal caso numerologico, ma perché nello splendido Chiostro dell’Accademia di Belle Arti, a San Francesco al Prato, la contaminazione tra Arte e Musica farà sbocciare un’opera d’arte nuova, nuova musica ispirata al famosissimo capolavoro del Canova, “Le tre Grazie”, il cui gesso è presente nella Gipsoteca dell’Accademia, donato dallo stesso scultore.

“Canova2016-Equilibri Dinamici” è il titolo del brano per Orchestra d’Archi che Carlo Pedini, compositore perugino noto anche per le sue opere commissionate da importanti Teatri italiani (La Scala di Milano, Arena di Verona..) e stranieri (Europa ed Asia) ha appositamente scritto per questo evento.

Nella sua scrittura, che rielabora sapientemente micro cellule di derivazione classica in un’architettura nuova e sorprendentemente vorticosa, “Canova2016” offre una prospettiva nella quale il confronto con le opere della nostra tradizione (Corelli, Vivaldi, Mozart..) è occasione per una lettura musicale rinnovata ed aperta a nuove prospettive. Dedicatario di questa affascinante opera prima, pulsante di ritmi e di sonorità coloratissime, è l’Orchestra “I Solisti dell’Umbria”, espressione orchestrale di UmbriaEnsemble, costituita da noti professionisti e giovani promesse del concertismo, che interpreta perfettamente nella sua stessa formazione il messaggio di continuità e novità che questa rassegna ispira.


[/su_document]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*