Il 2, 3 e 4 luglio 2021 c’è l’Umbria che spacca, tutti i nomi e il programma 🔴 video

 
Chiama o scrivi in redazione


Il 2, 3 e 4 luglio 2021 c’è l’Umbria che spacca, tutti i nomi

Grande musica, tutta in sicurezza e nel rispetto dell’ambiente in una delle location più belle della città di Perugia e dell’Umbria. E tanta voglia, come sempre, di stupire. Sono queste le direttrici principali dell’ottava edizione de ‘L’Umbria che spacca’ che nel 2021 torna, dopo la pausa per emergenza sanitaria dello scorso anno, in versione ‘giardino segreto’.

‘Il giardino segreto’ è quello immerso nel magnifico scenario della Villa del Colle del Cardinale a Colle Umberto di Perugia, dove dal 2 al 4 luglio si svolgerà la rassegna, all’interno di una residenza principesca del sec. XVI, realizzata dal Cardinale Fulvio della Corgna, con un parco adiacente molto suggestivo. Spazi gentilmente concessi dal Polo Museale dell’Umbria e dalla Galleria Nazionale dell’Umbria, partner storici del festival.

Quest’anno, infatti, l’Umbria che spacca cambia pelle e si adatta alla situazione particolare dettata dalla situazione emergenziale causata dal covid. Concerti quindi seduti, distanziati e in sicurezza in un contesto mozzafiato con una natura che non mancherà di emozionare al pari della musica.

‘L’Umbria che Spacca’ – ormai uno dei Festival musicali più importanti della regione per partecipazione, pubblico, qualità della proposta artistica e culturale, grado di inclusività e innovazione – ha da sempre come scopo principale quello di valorizzare e promuovere la molteplicità delle proposte musicali, artistiche, culturali e imprenditoriali presenti ed operanti nel territorio umbro, cercando anche di promuovere le immense bellezze del territorio.

‘L’Umbria che spacca’ è realizzato dall’associazione Staff Roghers (direzione artistica a cura di Aimone Romizi, presidente dell’associazione nonché frontman dei Fast animals and slow kids, band perugina tra le più rappresentative della scena musicale italiana) con il contributo di Regione Umbria e Comune di Perugia, con il patrocinio di Galleria nazionale dell’Umbria, Direzione regionale musei dell’Umbria, Università degli studi di Perugia e Adisu agenzia per il diritto allo studio Umbria e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

Per quanto concerne gli artisti coinvolti, quest’anno si spazierà dal cantautorato italiano d’eccellenza con Niccolò Fabi al pop contemporaneo dei Coma Cose (reduci dall’ottimo consenso di pubblico e critica al Festival di Sanremo 2021), fino al rap da classifica di Frah Quintale (top indie italian artist 2021 su Spotify). Sono questi i tre headliner delle rispettive serate che in serbo hanno però altri open act da non perdere: ci sarà infatti molta altra musica di qualità anche grazie a Emma Nolde, Vipra, VazzaNikki (la band di Valerio Lundini) e agli umbri Melancholia (grandi protagonisti nell’ultima edizione di X Factor), Elephant Brain e Teleterna.

Conferenza stampa

La tre giorni è stata presentata martedì 15 giugno a Palazzo della Penna (cortile esterno) di Perugia. Nel corso della conferenza stampa sono intervenuti: Leonardo Varasano, assessore alla cultura del Comune di Perugia (che ha portato anche i saluti del sindaco Andrea Romizi); Michele Fioroni, assessore allo sviluppo economico della Regione Umbria; Maurizio Oliviero, rettore dell’Università degli Studi di Perugia; Marco Pierini, direttore della Galleria nazionale dell’Umbria; Ilaria Batassa, direttrice della Villa del Colle del Cardinale; Luciano Ventanni, componente del Consiglio di amministrazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

“La contemporaneità è ancora al centro della programmazione” ha subito commentato il direttore artistico Aimone Romizi per poi aggiungere: “Un festival differente da quello a cui siamo abituati perché ci spostiamo dal centro alla periferia, per ovvi motivi di gestione delle misure anticovid. Non quindi migliaia di persone ma meno, tutte distanziate. Non ci possiamo stringere e assembrare ma innamorare ascoltando musica a cuore aperto, quello lo possiamo fare”.

Una edizione “transitoria” l’ha definita l’assessore Leonardo Varasano, ringraziando gli organizzatori “per avere ancora scommesso su loro stessi e su una città molto estesa, riempiendola ancora di contenuti anche in spazi nuovi come la Villa”.

Ha parlato di Umbria che spacca come di un “modello di innovazione e professionalità” l’assessore regionale Michele Fioroni: “Si lascia al territorio un evento importante che scarica a terra l’energia dei giovani e non solo, attraverso la musica. E dopo una stagione dove siamo rimasti tutti in casa a lungo è quello che ci vuole”.

A prendere la parola è stato poi il rettore Maurizio Oliviero, che ai tempi della sua presidenza all’Adisu era stato il primo a credere nel festival: “Il senso della presenza dell’Università di Perugia non è solo simbolica. Questo festival nasce infatti dentro l’ambiente universitario che crea così terreni virtuosi. L’Umbria che spacca dà lustro e riaccende una luce su uno dei volti più belli della città, quello dei giovani, della cultura e della musica. Tutti elementi che danno senso alla vita. Abbiamo voglia di abbandonare questo Inferno ma ancora non siamo in Paradiso. Questa luce che si accende è però fondamentale”.

A concludere gli interventi sono stati Marco Pierini e Ilaria Batassa, le due figure che principalmente hanno supportato il festival nel suo sviluppo. “La Galleria nazionale dell’Umbria – ha affermato Marco Pierini – è chiusa per ristrutturazione ma questo non vuol dire che quest’anno abbiamo rinunciato ma ci siamo con la Direzione regionale musei dell’Umbria. E quello per cui ci siamo conosciuti 5 anni fa, prima della Galleria che spacca e quando gli organizzatori volevano fare proprio un concerto a Villa del Colle del Cardinale, si è finalmente realizzato. La Villa si sta infatti trasformando in qualcosa di diverso dal ‘monumento’ e soprattutto in qualcosa che produce cultura”.

Per Ilaria Batassa è questa quindi la prima grande occasione a livello organizzativo da quando è stata nominata proprio di recente direttrice della Villa: “La Villa, come piace dire a noi, è un contenitore di cose da riempire. È un museo senza collezione ma chi entra respira una atmosfera che parla di incontri e intrecci di tutte le arti. Un luogo che nasce infatti storicamente come spazio di incontro culturale e quindi con questa prima sfida andiamo alle sue origini. Questo significa dare alla Villa, di comunità e di educazione, la dignità che merita”.



Programma concerti Villa del Colle del Cardinale

Il Festival si svolgerà nelle giornate di venerdì 2, sabato 3 e domenica 4 luglio 2021. L’apertura dei cancelli è prevista per le ore 17 e la giornata all’interno della Villa si svolgerà secondo questo programma (dalle ore 18 alle ore 24):

  • Venerdì 2 luglio

Elephant Brain (opener) + Emma Nolde (opener) + Niccoló Fabi (headliner)

  • Sabato 3 luglio

Teleterna (opener) + Vipra (opener) + Frah Quintale (headliner)

  • Domenica 4 Luglio

VazzaNikki e Valerio Lundini (opener) + Melancholia (opener) + Coma Cose (headliner)

Niccolò Fabi / Venerdì 2 luglio (ancora pochi biglietti, si va verso il sold out)

Per questa estate riprende il viaggio musicale di Niccolò Fabi. Lo storico cantautore romano ha annunciato le date del tour che a partire dal 24 giugno lo porteranno a suonare in alcuni tra i luoghi più iconici e suggestivi della Penisola, tra recuperi di concerti annullati a causa della pandemia e nuove date. Quella di Niccolò Fabi sarà una tournée lunga tre mesi, in compagnia dei colleghi di sempre Roberto Angelini, Pier Cortese, Alberto Bianco, Daniele “mf coffee” Rossi e Filippo Cornaglia. Fabi si prepara quindi a salire sul palco per presentare al pubblico, oltre ai suoi classici, i brani dell’ultimo album ‘Tradizione e Tradimento’ uscito nell’ottobre del 2019 e che non è mai stato suonato dal vivo a causa dell’arrivo della pandemia che ha bloccato i concerti.

Biglietti disponibili qui: https://ticketitalia.com/niccolo-fabi?search=fabi

Frah Quintale / Sabato 3 luglio

Disco di platino con l’album d’esordio Regardez Moi, Frah Quintale è la rivelazione della scena Street Pop italiana, l’artista che con la sua musica e il suo immaginario ha contribuito a delineare un nuovo genere. Originale sia nella sua estetica che nella musica, ha raggiunto e superato 235 milioni di ascolti su Spotify. Con il tour del 2021 (tour estivo e tour autunnale), Frah Quintale presenterà per la prima volta dal vivo ‘Banzai’ (Lato blu e Lato arancio).

L’apertura delle prenotazioni online per il concerto gratuito di Frah Quintale sarà il 23 giugno (dalle ore 13) sul sito www.umbriachespacca.it.

Coma Cose / Domenica 4 luglio (sold out)

Coma Cose sono Fausto Lama e California. Un duo nato nel 2016, una coppia prima nella vita e poi nella musica, che mischia vissuto e gusto sonoro urbano a una poetica cantautorale. Nel 2021 hanno partecipato alla settantunesima edizione del Festival di Sanremo incantando il pubblico con il brano ‘Fiamme negli occhi’, che diventa singolo d’oro in sole tre settimane e successivamente platino. Il singolo è contenuto nel loro ultimo album “Nostralgia” pubblicato lo scorso 16 aprile.

Biglietti disponibili qui: https://ticketitalia.com/coma-cose?search=coma+co

Visite in città con ospiti speciali

Nel corso delle giornate del Festival si svolgerà, in collaborazione con il Comune di Perugia (partner storico sin dalla prima edizione de ‘L’Umbria che spacca’), sono state organizzate attraverso ‘L’Umbria che spacca Experience’ anche delle visite, attraverso le bellezze del territorio, con degli ospiti “speciali”: in questi piccoli viaggi ci accompagneranno Andrea Lorenzon (artista digitale tra i più apprezzati e stimati sulla piattaforma di streaming YouTube, padre del celebre canale Cartoni Morti), Adrian Fartade (divulgatore scientifico, youtuber e scrittore italiano) e Valerio Lundini (comico, conduttore televisivo e autore televisivo italiano) il quale suonerà anche in apertura dell’ultima giornata del festival con il suo gruppo, i VazzaNikki.

Attenzione alla sicurezza, all’ambiente e ai lavoratori dello spettacolo

L’Umbria che Spacca 2021 sarà un’edizione diversa dalle altre, basata anche sulla responsabilità e criticità del periodo storico in cui troviamo. Il tema della sicurezza e del rispetto delle disposizioni in materia sanitaria sarà il cardine su cui sarà strutturata tutta l’organizzazione del Festival. “Umbria che Spacca” è, infatti, libertà e coscienza civica, lavora per garantire un ambiente smart e sociale, per la famiglia che vuole sentire bella musica e per il giovane alla ricerca di spazi in cui farsi notare ma fa di tutto per tutelare l’ambiente, per rispettare gli orari e tutte le normative vigenti in materia di organizzazione, sicurezza di eventi pubblici e, chiaramente, tutte quelle che saranno le direttive sanitarie.

Oltre a questo, in collaborazione con Coop Centro Italia (main sponsor da 5 anni), il Festival ha iniziato una campagna di sensibilizzazione tramite contenuti digitali (quali video promozionali sulle principali pagine social del festival) su un aspetto molto importante e perno di un Festival/Evento: i lavoratori dello spettacolo, che da più di un anno si trovano in condizioni di precarietà causate da questo periodo storico. Tramite questi video L’Umbria che spacca vuole far sapere alle persone cosa significa lavorare dietro un Festival e quanto il loro operato sia essenziale.

Organizzazione e partner

Come per le passate edizioni, il principale sviluppatore e promotore del Festival ‘L’Umbria che spacca – Il giardino segreto’ è lo “Staff Roghers”, associazione culturale che agisce nell’ambito dell’organizzazioni di eventi culturali e sociali sin dal 2010. Lo Staff è composto da più di 20 volontari under 35 che nel tempo è riuscito a diventare un punto di riferimento per tutti i giovani del territorio e gli operatori del settore, collaborando anche le realtà culturali più significative dell’Umbria.

Molti infine i partner commerciali e le collaborazioni grazie ai quali è possibile realizzare l’evento. Main sponsor Coop Centro Italia. Sponsor: Nastro Azzurro, Wild Turkey, Campari Italia. Dalla collaborazione con la Cooperativa A Piccoli Passi all’interno del progetto PiùHub, inoltre, verranno sviluppati una serie di Workshop per stimolare la formazione, la ripartenza e l’innovazione delle attività imprenditoriali giovanili in ambito culturale: al termine verrà consegnato un premio economico a quella che sarà riconosciuta come la start up più innovativa del settore.

Contatti

Sito: www.umbriachespacca.it

Facebook: www.facebook.com/UmbriaCheSpacca/

Instagram: www.instagram.com/umbriachespacca/

Twitter: twitter.com/umbriachespacca

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*