Amici della Musica di Perugia, stagione 2019-20, campagna abbonamenti

 
Chiama o scrivi in redazione


Amici della Musica di Perugia, stagione 2019-20, campagna abbonamenti

La Campagna Abbonamenti della Stagione 2019-2020 «Amici della Musica» di Perugia è in corso: fino al prossimo 12 ottobre 2019 si potrà sottoscrivere un Abbonamento per l’intera Stagione o un Abbonamento per dieci concerti a scelta.

Da questa Stagione è stata introdotta un’importante novità: sarà infatti possibile acquistare un Abbonamento che, oltre ai concerti degli «Amici della Musica di Perugia», include anche i concerti della Stagione della «Fondazione Cucinelli», sia nella formula che comprende tutti i concerti, sia nella formula dei dieci concerti a scelta.

Sottoscrivere un Abbonamento alla Stagione 2019-2020 è conveniente perché consente un rilevante risparmio sul prezzo dei singoli biglietti, garantisce il proprio posto al Teatro Morlacchi e al Teatro Cucinelli per tutti i concerti previsti in queste sedi e permette di partecipare a tutte le attività collaterali organizzate durante la Stagione (cicli di conferenze, incontri con gli artisti, e altre attività).

Sono inoltre previste formule speciali per i giovani. Particolarmente vantaggioso è l’Abbonamento dedicato agli Studenti di Musica, che permette ai giovani nati dal 1993 di sottoscrivere un abbonamento al prezzo di Euro 25,00 presentando un documento che attesti la frequenza ad un Conservatorio o ad una Scuola di Musica.

L’Abbonamento si può acquistare anche attraverso il «Bonus Cultura», con la «Carta del Docente», riservata agli insegnanti, e «18app» destinata ai ragazzi che hanno compiuto 18 anni.

Gli Abbonamenti possono essere sottoscritti presso la Fondazione Perugia Musica Classica onlus in Piazza del Circo 6 a Perugia dal lunedì al venerdì dalle 11:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 18:00. Il sabato dalle 11:00 alle 13:00.

Il concerto che inaugurerà la Stagione musicale 2019-2020 degli «Amici della Musica» di Perugia  e della Fondazione Cucinelli, domenica 20 ottobre 2019 alle ore 20:30 nella Basilica di San Pietro, ospiterà una gloriosa orchestra austriaca, la Camerata Salzburg, che, insieme al duo pianistico Yaara Tal – Andreas Groethuysen,  eseguirà un celebre capolavoro mozartiano, il Concerto in mi bemolle maggiore per due pianoforti e orchestra K. 365, opera di notevole freschezza, ma anche profondamente matura, di grande interesse per il rapporto che stabilisce fra i due solisti e l’orchestra,  con un dialogo fra i due pianoforti vivacissimo e ricco di fantasia, portando su un piano assai elevato lo stile piacevolmente mondano proprio delle composizioni del periodo salisburghese. Nella stessa serata il duo Tal-Groethuysen ci guiderà alla scoperta di luoghi inesplorati del repertorio con l’esecuzione del sorprendente Concerto in do maggiore per pianoforte a quattro mani e orchestra op. 135 di Carl Czerny, una “Prima” per la città di Perugia, dopo quasi due secoli dalla sua composizione.

La Stagione musicale 2019-2020 degli «Amici della Musica» di Perugia ospiterà orchestre prestigiose, come la già citata Camerata Salzburg, la Mahler Chamber Orchestra e l’Orchestra Leonore, insieme a interpreti raffinatissimi (come Leif Ove Andsnes, Antje Weithaas, Alexander Lonquich, Ilya Gringolts, Peter Laul, Isabelle van Keulen, Ronald Brautigam, Aaron Pilsan, Stefan Milenkovich, Emmanuel, Tjeknavorian) e straordinari ensembles come il Quartetto Hagen, affiancato da altri due complessi d’eccezione, il Quartetto di Cremona e il Quartetto Calidore, entrambi premiati dal BB Trust.

Altra protagonista della Stagione sarà la pianista Beatrice Rana, premiata dal BB Trust nel 2016 e – nonostante la giovane età –ormai divenuta una personalità indiscussa del concertismo internazionale.

La Stagione inoltre ospiterà anche altri grandi interpreti italiani, universalmente riconosciuti come Filippo Gamba, Benedetto Lupo e Alessandro Taverna.

Inoltre, da segnalare due importanti protagonisti del jazz, ma molto radicati nella tradizione classica europea, muniti di straordinario virtuosismo e contagioso sense of humour: Thomas Gansch (già fondatore di Mnozil Brass) e Georg Breinschmid. A seguire, due appuntamenti con l’Orchestra da Camera di Perugia, con la quale il pubblico sta instaurando un sempre maggiore legame di affetto e stima: il primo appuntamento è previsto con la violinista Antje Weithaas (con l’esecuzione della Sinfonia n. 8 in fa maggiore op. 93 e il Concerto in re maggiore op. 61 di Beethoven) e il secondo con il violinista Stefan Milenkovich (con l’esecuzione della Sinfonia n. 3 di Schubert e del Doppio Concerto in la minore op. 102 di Brahms).

Molto stimolante anche la nuova Stagione musicale della Fondazione Cucinelli, con due produzioni di grande interesse, affidate all’Accademia Hermans, la prima delle quali vedrà in programma il più antico manoscritto autografo haendeliano a noi pervenuto: il salmo Dixit Dominus, che verrà eseguito insieme al celebre Magnificat di Bach. La seconda produzione vedrà invece l’intermezzo comico L’Artigiano gentiluomo ovvero Larinda e Vanesio di J. A. Hasse con la regia di Graziano Sirci.

Protagonista della Stagione Cucinelli sarà anche l’Orchestra da Camera di Perugia, vera eccellenza musicale della nostra Regione,  alla quale sarà affidato il concerto diretto da Hugo Ticciati con la partecipazione del pianista solista Simone Soldati.

A Ludwig van Beethoven, di cui ricorre nel 2020 il duecentocinquantesimo anno dalla nascita, verrà reso omaggio dal Quartetto Lyskamm, che di questo autore eseguirà il Quartetto op. 18 n. 6 e il Quartetto op. 59 n. 2, insieme al Quartetto op. 77 n. 2 di Haydn.

Altri due concerti cameristici meritevoli di speciale attenzione sono quelli che coinvolgono il Trio di Parma (Ivan Rabaglia, violino – Enrico Bronzi, violoncello e Alberto Miodini, pianoforte) con un programma dedicato a splendide pagine di Dvořák e il Duo Troussov-Troussova di cui ascolteremo l’interpretazione delle tre Sonate op. 78, op. 100 e op. 108 di Brahms.

Infine, i concerti della Stagione Cucinelli si concluderanno con un astro nascente del pianismo internazionale, Alexander Malofeev che ha trionfato all’ottava edizione del Concorso Cajkowskij nel 2014.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*