Mostra Caravaggio a Terni, esempio di come la cultura può far crescere il territorio

Mostra Caravaggio a Terni, esempio di come la cultura può far crescere il territorio

Mostra Caravaggio a Terni, esempio di come la cultura può far crescere il territorio

“La mostra organizzata a Terni dalla Fondazione Carit su Caravaggio e Artemisia Gentileschi ha ottenuto un successo significativo, al di là di ogni più rosea aspettativa. Un risultato che conferma quanto il nostro territorio possa puntare sulla cultura come volano per la crescita e l’attrattività”. Così l’assessore regionale a Turismo e Cultura, Paola Agabiti, commenta la chiusura della mostra “Dramma e Passione – Da Caravaggio ad Artemisia Gentileschi”, organizzata a Palazzo Montani Leoni dalla Fondazione Carit, che ha visto superare quota 26.000 presenze.

“Numeri – prosegue l’assessore – che sono il frutto della capillare organizzazione coordinata in prima persona dal presidente della Fondazione Carit, Luigi Carlini, con la messa in atto di una puntuale campagna di comunicazione che ha permesso di attirare visitatori a Terni non solo da diverse regioni d’Italia, ma anche dall’estero, e che ha visto interessarsi all’evento i media nazionali e di settore. Raggiungere oltre 26 mila presenze rappresenta di sicuro un record per un evento culturale: la dimostrazione – conclude l’assessore Agabiti – che, con una buona cabina di regia, la cultura può rappresentare un forte elemento di crescita per il territorio”.

1 Commento

  1. Mi auguro non resti una tantum. Creare e moltiplicare stimoli culturali frequenti e fruibili per noi adulti e soprattutto per i nostri giovani aiuterebbe a contrastare il degrado socio culturale in cui la nostra città versa e fornire delle alternative di qualità troppo rare a Terni, ma presenti invece nella maggior parte delle cittadine Umbre. La cultura genera cultura, educazione, rispetto e anche turismo, che non deve fermarsi alla Cascata delle Marmore o a Carsulae. Terni deve crescere, non è solo calcio e acciaieria..
    Grazie per questa mostra, per questa inaspettata boccata d’aria fresca, ma ora attendiamo il resto…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*