Footbook, festival della lettura e dello sport coinvolge un intero quartiere

 
Chiama o scrivi in redazione


Footbook, festival della lettura e dello sport coinvolge un intero quartiere

Footbook, festival della lettura e dello sport coinvolge un intero quartiere

di Elio Clero Bertoldi
PERUGIA – “Footbook: racconta e gioca” é il titolo di un festival che si terrà dal 22 al 24 maggio con anteprima al Brecht di San Sisto. L’iniziativa é stata presentata ieri mattina dal direttore artistico Alessandro Riccini Ricci, dall’assessore alla cultura Leonardo Varasano, da Nicoletta Mencarini delle Biblioteche comunali (sono sette) e da Roberta Migliarini, dirigente comunale.

L’iniziativa sintetizzata dallo slogan “Calcio e cultura per imparare a crescere insieme raccontando e giocando” coinvolge lo stesso quartiere e la Pro Loco e si svolgerà tra la biblioteca Sandro Penna, il teatro Brecht, il palazzotto dello sport e si interesserà di sport, in particolare del calcio la disciplina più seguita e praticata.

Non ha nascosto la propria soddisfazione l’assessore Varasano sia per l’evento culturale in sé, sia per il coinvolgimento di un buon numero di soggetti.

“Il comune di Perugia con questa manifestazione – ha vinto un bando del Ministero con un budget significativo (80mila euro). L’iniziativa a un lato dà lustro alla città e dall’altro consente di attivare una importante rete di collaborazioni, di fare squadra, insomma, per promuovere la cultura , e la lettura in particolare, e molti spazi della nostra città.”

Le prime iniziative verteranno sulla presentazione di due libri – perché uno degli scopi del festival é quello di far tornare ad amare la lettura – il primo dello scrittore Federico Appel (20 febbraio al Teatro Brecht), il secondo della scrittrice Silvia Vecchini e dell’illustratore Sualzo, perugino (15 aprile, palazzotto dello sport di via Donizetti).

Il programma clou prevede anche una serata dedicata al Grifo ed un omaggio ai presidente del club. In calendario pure una serie di laboratori per bambini e giovani sotto la direzione di esperti di Graphic novel, coding-robotica, crossmediale, la partita giusta (percorsi educativi di storie di sportivi portatori di valori civili), il calcio del Perugia del Novecento.

La particolarità del festival é il suo essere aperto: tutti possono partecipare inviando una propria proposta alla mail “pressing@calciocity.it”. Gli organizzatori valuteranno l’idea e se la riterranno positiva ed in linea con la mission dell’iniziativa la inseriranno nel programma ufficiale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*