Festival Orizzonti, la musica dal vivo nel chiostro della Basilica di San Pietro

 
Chiama o scrivi in redazione


Festival Orizzonti, la musica dal vivo nel chiostro della Basilica di San Pietro

Giovedì 27 e venerdì 28 maggio al Chiostro della Basilica di San Pietro i primi due appuntamenti della rassegna promossa dalla Fondazione Perugia Musica Classica onlus con Opificio Sonoro

Con il Festival Orizzonti “spring edition” torna a Perugia la musica dal vivo

Filo conduttore il legame tra l’uomo e la propria terra. In programma musiche di Alfred Schnittke, Sofia Gubajdulina, Galina Ustvolskaya, Edison Denisov, Arvo Pärt, Salvatore Sciarrino e Domenico Scarlatti. A novembre la seconda parte del Festival a cura del pianista e compositore Marco Momi

Un ritorno alla musica dal vivo, con il pubblico in sala, in uno dei luoghi più suggestivi della città, per un viaggio in cui il filo conduttore sarà il legame tra l’uomo e la propria terra. Giovedì 27 e venerdì 28 maggio alle 19 il Chiostro della Basilica di San Pietro, a Perugia, ospiterà la prima parte – spring edition – della seconda edizione del Festival Orizzonti, a cura di Marco Momi, pianista e compositore, e promosso dalla Fondazione Perugia Musica Classica onlus in collaborazione con il collettivo di musicisti di Opificio Sonoro. Due appuntamenti particolarmente attesi, perché dopo lunghi mesi di pausa forzata e di streaming rappresentano il ritorno ai concerti in presenza per la stagione 2020/2021 degli Amici della Musica di Perugia.

Il programma del Festival Orizzonti
La prima parte del Festival Orizzonti – a novembre sono in programma gli altri 2 concerti di Orizzonti Autumn – prenderà il via giovedì 27 maggio alle 19 con il concerto Folks from the East, con musiche di Alfred Schnittke, Sofia Gubajdulina, Galina Ustvolskaya, Edison Denisov e Arvo Pärt. Il quartetto di Sassofoni Sidera eseguirà trascrizioni di brani di Pärt, alternate a pagine dei maestri russi per strumento solo o duo affidate a Opificio Sonoro. Il secondo concerto di Orizzonti Spring, venerdì 28 maggio alle 19, porterà il pubblico En plein air ad incontrare Salvatore Sciarrino, con una selezione di brani dalla sua Opera per Flauto eseguiti da Matteo Cesari, e con il brano Arioso eseguito da Opificio Sonoro. Le articolazioni danzanti del flauto guideranno l’ascolto verso le Sonate di Domenico Scarlatti, affidate al clavicembalo di Chiara Cattani. Tra i brani in programma, per sottolineare l’attenzione verso le giovani generazioni e le nuove tecnologie, ci saranno poi gli interventi delle sculture sonore del giovane sound artist Mattia Parisse, con la sua produzione di “nuova liuteria” urbana.

Info e prenotazioni www.perugiamusicaclassica.com – 0755722271

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*