CITTA’ DELLA PIEVE: RECORD DI VISITATORI PER L’INFIORATA

infiorate_pieve(umbriajournal.com) CITTA’ DELLA PIEVE – Record di visitatori domenica scorsa per l’Infiorata del terziere Casalino, che da quasi cinquant’anni propone un evento legato alla tradizione e alla fede più autentica in onore del suo patrono, San Luigi Gonzaga, componendo un tappeto rigorosamente creato con essenze naturali, fiori, foglie e semi, ispirato ad ogni edizione ad un tema nuovo e affascinante.

Dalla Divina Commedia alla vita di San Luigi, dai Capitani di ventura a San Francesco d’Assisi, l’Infiorata del Casalino sa interpretare e stupire, non deludendo mai i visitatori e gli stessi pievesi, che sono i primi ammiratori della manifestazione.

Per l’edizione 2013, i maestri infioratori del Casalino hanno riprodotto lungo Via Vannucci alcune delle decorazioni che si trovano negli antichi palazzi nobiliari che si affacciano sul corso principale cittadino. Figure mitologiche, grottesche, nature morte, blasoni di antiche famiglie nobiliari i soggetti dei bozzetti, che i tanti visitatori hanno potuto ammirare e fotografare. All’inizio e alla fine del lungo tappeto floreale, in omaggio agli ospiti del Gemellaggio, i blasoni delle tre città Saint Cyr, Denzlingen e Città della Pieve, naturalmente realizzati con petali e foglie.

Infiorata “artistica” per eccellenza, quella di Città della Pieve, conferma quest’anno, con le migliaia di visitatori, di rappresentare uno degli eventi più attrattivi della città del Perugino. Un grande successo, con un numero elevato di presenze fin dalla sera del sabato, durante la posa dei fiori, fino a tutta la giornata di domenica. Il mercatino, iniziativa collaterale che quest’anno è stata esteso dalle piazze del centro storico anche a Via Santa Maria Maddalena, ha riscontrato un grande apprezzamento da parte dei visitatori, sia per l’allestimento curato e per la peculiarità degli espositori, sia anche per la possibilità di conoscere una parte caratteristica del Terziere e della città: “È stato molto apprezzata – conferma Giuseppe Peciotti, Presidente del terziere Casalino – la possibilità di visitare, oltre alle decorazioni dei palazzi nobiliari che si affacciano su Via Vannucci e che abbiamo riprodotto nei quadri dell’Infiorata, anche le chiese di Santa Maria Maddalena e di San Luigi, con le opere d’arte che custodiscono, tesori da valorizzare e che gli stessi pievesi conoscono appena”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*