A PERUGIA SVELATO L’UNDICESIMO CARTELLONE DI “MUSICA PER I BORGHI”

Da sinistra Salvatore Corazza, Gianfranco Chiacchieroni, Peppe Vessicchio, Alfio Todini, Valter Pescatori, Marco Giovagnola
Da sinistra Salvatore Corazza, Gianfranco Chiacchieroni, Peppe Vessicchio, Alfio Todini, Valter Pescatori, Marco Giovagnola
Da sinistra Salvatore Corazza, Gianfranco Chiacchieroni, Peppe Vessicchio, Alfio Todini, Valter Pescatori, Marco Giovagnola

(umbriajournal.com) by Avi News PERUGIA – Rinnovato nei protagonisti e nei luoghi, ma sempre uguale a se stesso perché, più di tutto, popolare, nelle sonorità come nell’accesso. È quanto, a più riprese, hanno voluto sottolineare gli organizzatori dell’11esima edizione del festival “Musica borghi”. Cartellone, in scena nel territorio marscianese e, novità di quest’anno, anche ad Assisi, dal 5 luglio al 30 agosto, che è stato svelato in una conferenza stampa, venerdì 14 giugno, nella sede dell’acropoli perugina della Banca di Mantignana e di Perugia Credito cooperativo umbro. Istituto che sostiene l’evento insieme al Comune di Marsciano, la Camera di Commercio e la Provincia di Perugia e la Regione Umbria. Ad illustrare il programma c’erano il maestro Peppe Vessicchio, Valter Pescatori e Salvatore Corazza, rispettivamente direttore artistico, generale e produttore esecutivo del festival. Presenti, oltre a Marco Giovagnola, direttore della filiale dell’istituto umbro, anche il sindaco di Marsciano, Alfio Todini, e il presidente onorario dell’Associazione Musica per i borghi, Gianfranco Chiacchieroni. “Tengo molto al fatto che – ha detto Vessicchio – quel ‘popolare’, a descrizione del festival, venga inteso nel senso della gratuità e dell’apertura agli ascoltatori. È una battaglia che proviamo a fare. Abbiamo avuto tante difficoltà, ma andiamo avanti. Siamo forti e faremo di tutto per riuscire”. “Quest’anno – ha aggiunto Chiacchieroni – vogliamo dedicare il festival alla speranza di potercela fare della imprese umbre che lo sostengono. La musica, del resto, aiuta a parlare ai cittadini, agli umbri e a tutti quelli che vogliono guardare con fiducia al futuro”.
Si parte venerdì 5 luglio, in piazza San Giovanni, a Marsciano, con l’Orchestra d’archi del Conservatoire populaire de musique de Geneve, che, con venti elementi, eseguirà il concerto in re minore dell’Opus 3 (Estro armonico) per 2 violini, violoncello ed archi di Vivaldi e la Strabat Mater di Pergolesi. Quindi, spazio ai due grandi nomi del cartellone. Domenica 21 luglio la piazza centrale della frazione marscianese di Spina ospiterà Eugenio Finardi, protagonista unico dell’intimo “Il nuovo umanesimo tour”. Seguirà, sabato 3 agosto, il live di Fiorella Mannoia, in piazza Carlo Marx, a Marsciano. Un “Concerto per buone intenzioni” in cui la Mannoia incontrerà i suoni raffinati del noto cantautore popolare brasiliano, Joao Bosco, arricchiti dall’orchestra classica diretta da Peppe Vessicchio. “È un concerto creato ad hoc per ‘Musica per i borghi’ – ha spiegato Corazza –, in cui vedremo la Mannoia cantare il suo repertorio e duettare, per la prima volta, con Bosco, uno dei più grandi artisti popolari del Brasile. Sicuramente, anche grazie ai momenti d’orchestra, diretti dal maestro Vessicchio, sarà un concerto ricco di energia positiva”.
Ma nel cartellone di “Musica per i borghi” 2013 c’è spazio anche per i giovani. Oltre alla partecipazione al live di Fiorella Mannoia di Chiara, vincitrice dell’ultima edizione di “X factor”, venerdì 26 luglio Papiano accoglierà il cantautore Il Cile, reduce dall’ultimo Festival di Sanremo, e il suo “Siamo morti a vent’anni tour”.
Per la chiusura di venerdì 30 agosto, infine, tappa ad Assisi, con “Il bel canto del bel paese”. Un percorso straordinario nella tradizione vocale italiana raccontata e diretta dal maestro Sergio La Stella, che andrà in scena nella suggestiva cornice della Cattedrale angelana.
Tutti i concerti, come di consueto, avranno inizio alle 21.30.

 

Maria Cristina Costanza

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*