Urlava frasi senza senso a Perugia, cercava di dare un significato alla sua vita

Si tratta di un evaso dai domiciliari, deve scontare un cumulo pena di 9 anni

 
Chiama o scrivi in redazione


Sparatoria Umbertide, forse un regolamento di conti legato al mondo della droga

Urlava frasi senza senso, voleva dare un significato alla sua vita. I poliziotti di quartiere, ieri nel primo pomeriggio, lo hanno trovato davanti alla Chiesa di San Filippo Neri, che urlava frasi senza senso e quando lo hanno avvicinato ha detto loro che cercava di dare un significato alla propria vita, sentendosi triste per il suo passato.

© Protetto da Copyright DMCA

L’uomo, un italiano di 49 anni, originario di Palermo, ma da anni residente a Umbertide, dai successivi accertamenti condotti poi negli uffici della Questura, è risultato evaso dalla detenzione domiciliare a cui era stato sottoposto nello scorso mese di febbraio per problematiche di salute, nell’abitazione che condivide con l’anziana madre. Deve scontare un cumulo pena di 9 anni per reati anche gravi commessi in precedenza, fra cui sei rapine, anche aggravate e evasioni.

Nel corso degli anni, infatti, più volte si è sottratto all’esecuzione della pena, dimostrando in effetti una pervicacia criminale, di cui non si è mai pentito visto anche i suoi recenti comportamenti. Gli agenti lo hanno arrestato per evasione e condotto presso la sua abitazione dove dovrà rispondere anche di questo reato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*