Ast, Meloni (FDI-AN): Tenere alta la guardia, governo non ha fatto nulla per scongiurare rischi futuri

«Abbiamo seguito sin dall’inizio con i nostri referenti territoriali la vicenda delle acciaierie di Terni. Non siamo soddisfatti del mancato intervento dell’Unione Europea e sul futuro non siamo ottimisti come il presidente del consiglio Renzi. Non c’è un piano di rilancio, non c’è un piano di difesa e di garanzia della produzione: il governo non ha fatto nulla per scongiurare il rischio che si ripresenti esattamente la stessa situazione, domani o tra un anno. Oggi siamo qui per ribadire che la grande responsabilità e la grande disponibilità dimostrate dai lavoratori non possano essere un pretesto per abbassare i riflettori su questo caso.

Sappiamo che la volontà della Thyssen è quella di uscire dal mercato dell’acciaio e chiediamo al governo di continuare a tenere alta la guardia e intervenire, se necessario, anche direttamente con il fondo strategico nazionale. È un’eventualità che si prende in considerazione in altre situazioni e non capiamo perché non debba essere valida per quella che in tutto il mercato continentale dell’acciaio è una assoluta eccellenza e avanguardia».

Lo ha detto a Terni il presidente di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale, Giorgia Meloni, a margine della conferenza stampa sulle acciaierie.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*