Aprono lo sportello, abbandonano il cane e scappano, Polizia cerca Subaru grigia

è una pratica abominevole che l’uomo non dovrebbe neanche concepire

Aprono lo sportello, abbandonano il cane e scappano, Polizia cerca Subaru grigia

Un uomo e una donna, a bordo di una Subaru station wagon grigia, arrivano in aperta campagna scaricano il cane e fuggono via. La povera bestiola, un meticcio nero di piccola taglia, ha rincorso guaendo quell’auto che se n’è andata,  con a bordo quei crudeli esseri umani che lui credeva amici. Ma niente, loro a dentro l’auto giapponese – grigia, lo ripetiamo, e station wagon, cercatela – lo hanno lasciato solo.

Lo hanno scaricato in mezzo alla campagna, a pochi passi dall’azienda Isa, in una strada non asfaltata e polverosa nella frazione di Ospedalicchio, a Bastia Umbra.

Il povero animale, racconta chi ha seguito la turpe vicenda, ha vagato, ha corso, ha guaito per poi sparire, piccolo com’è, tra la vegetazione essiccata dal sole.

  • Il passo successivo è stato chiamare la polizia

Chi è stato testimone di uno di quanto è accaduto ha, in qualche modo segnato le ultime tre cifre della targa dell’auto che è sfrecciata via, tempo si segnarsi giusto qualche cosa, ma del cane non c’era più traccia. Il passo successivo è stato chiamare la polizia e sul posto, per raccogliere la testimonianza e fare un giro perlustrativo, il commissario di Assisi, Francesca Domenica Di Luca, ha fatto arri vare una volante.

  • Gli agenti hanno cercato, controllato, tutte le vie sterrate in quella zona di campagna, ma del piccolo animale nemmeno l’ombra.

Premesso che chi abbandona un animale è un essere schifoso, ogni anno, nel periodo delle ferie, quei piccoli amici che hanno, durante l’anno regalato affetto senza chiede nulla in cambio, diventano un peso. Chissà se, anche per quei due a bordo della Subaru grigia è tempo di ferie, che le passino nel peggioro modo possibile.

  • I cani sono abbandonati in strada

Come ogni anno è arrivata l’estate e come ogni vacanza che si rispetti, i cani sono abbandonati in strada, nelle pensioni, in poderi, nei campi, lungo i fiumi…episodi la cui crudeltà dimostra il “verme” che certi umani hanno dentro.

  • E’ una pratica abominevole

L’abbandono dei cani è una pratica abominevole che l’uomo non dovrebbe neanche concepire; in Italia, abbiamo un associazionismo fortissimo in questa direzione, ma spesso anche i canili e le strutture sono al collasso. Oltre a non lasciare un cane al destino, che spesso è mortale, andate nei canili e scegliete quello con gli occhi più dolci, più buffo, più schizzato o addirittura più sofferente, secondo i vostri gusti; ne guadagnerete in amore, da parte del cane e degli amici umani, e insegnerete qualcosa di bello al prossimo.

  • l’appello sarà una goccia nel mare

Probabilmente, l’appello sarà una goccia nel mare, ma vorrebbe far capire a questi ignobili che un animale domestico è parte della famiglia, a livello morale e legislativo, e che l’abbandono non è solo punibile per legge ma ti fa vivere con un forte senso di colpa per tutta la vita (presumo).

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*