UMBERTIDE, IMPIANTO A BIOMASSE

biomasse(umbriajournal.com) UMBERTIDE – In merito al progetto di realizzazione di un impianto per la produzione di energia elettrica alimentato a biomassa legnosa nella zona industriale di Piandassino, il Partito Democratico di Umbertide esprime tutta la sua contrarietà.
Pur ritenendo necessaria la ricerca di nuove fonti di approvvigionamento energetico, non ci sfuggono le potenziali criticità che possono emergere dalla realizzazione di alcuni tipi di impianti.
Nello specifico questo impianto avrà bisogno di 2 camion di legna al giorno per un totale di 12.000 tonnellate all’anno quindi, oltre ad avere dubbi sull’opportunità di utilizzare legna vergine per produrre energia, ci potrebbe essere anche un problema di reperibilità considerando che l’approvvigionamento è previsto nel raggio di 70 km. La zona su cui dovrebbe sorgere tale impianto è inoltre caratterizzata dalla presenza di numerosi stabilimenti industriali e l’insieme di emissioni potrebbe generare un effetto cumulo improprio e nocivo per l’ambiente e la salute dei cittadini. Tali elementi di rischio non sono infine controbilanciati da alcun beneficio, dal momento che l’impianto non porterà valore aggiunto alla comunità.
Per questo il Partito Democratico chiede che l’Amministrazione Comunale, nel rispetto delle proprie competenze, intraprenda nei confronti di tutti gli altri Enti e soggetti preposti al rilascio delle autorizzazioni, tutte le azioni necessarie affinché questi garantiscano che l’impianto non provochi danni ambientali e non presenti, in relazione alla possibile locazione (vicino ad altri impianti industriali potenzialmente pericolosi come la fabbrica di vernici) rischi per la sicurezza.
Riteniamo la salute e la sicurezza dei cittadini un bene primario da tutelare in ogni modo; per questo siamo a fianco della comunità in maniera seria e concreta evitando qualsiasi strumentalizzazione e speculazione politica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*