Rifondazione comunista: “L’Umbria dica no all’autonomia differenziata”

è stato riproposto il DDL “per l’attuazione dell’Autonomia

 
Chiama o scrivi in redazione


Rifondazione comunista: "L'Umbria dica no all'autonomia differenziata"
andrea ferroni

Rifondazione comunista: “L’Umbria dica no all’autonomia differenziata”

Ci risiamo. Fra i disegni di legge collegati alla decisione di Bilancio licenziata dal Consiglio dei Ministri, è stato riproposto il DDL “per l’attuazione dell’Autonomia differenziata, di cui all’articolo 116, 3° comma della Costituzione”.

Al “governo dei migliori” evidentemente non è bastato vedere i risultati della frantumazione regionale del servizio sanitario e del protagonismo dei sedicenti “governatori” nell’affrontare l’emergenza sanitaria. Basti pensare a come è stata affrontata la crisi sanitaria in Umbria o all’attuale andamento del piano vaccinale regionale. No, insistono. E insistere con questo progetto significa delegare piena autonomia a 20 staterelli, non solo in campo sanitario, ma per scuola, infrastrutture, ambiente e altre decine di materie. Un disastro per tutti, un disastro certo per l’Umbria tanto più governata da Lega e Fratelli d’Italia. Se poi pensiamo che la misura è gestita dalla Ministra Gelmini vengono i brividi.

Su queste premesse pensiamo che le opposizioni debbano pronunciarsi in Consiglio Regionale per fare in modo che l’Umbria dica no ad un provvedimento dannoso e pericoloso.

Andrea Ferroni
Segretario Provinciale di Rifondazione comunista di Perugia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*