Otricoli, Puliamo il mondo, il Sindaco: “Oltre 100 i volontari”

Otricoli, Puliamo il mondo, il Sindaco: “Oltre 100 i volontari”

Anche il Comune di Otricoli ha aderito alla ventinovesima edizione di ‘Puliamo il mondo’, la più grande iniziativa di volontariato ambientale organizzata da Legambiente.


di Alessandro Cavalieri


  • Lo scorso fine settimana

Un fine settimana all’ insegna dell’amore per l’ambiente, grande la partecipazione dei cittadini, di grandi e piccoli, che insieme hanno collaborato, per ripulire le strade e le campagne del territorio di Otricoli, da tutti quei rifiuti che purtroppo ancora oggi vengono abbandonati da persone incivili.

  • Le parole del Sindaco di Otricoli, Antonio Liberati

“Siamo certi – sottolinea il Sindaco di Otricoli, Antonio Liberati- che l’unico modo per sperare in un futuro sano e pulito, in cui l’uomo sia in armonia con ciò che lo circonda, sia quello di educare e formare le nuove generazioni, con questo genere di iniziative, affinché i nostri bambini diventino poi dei cittadini responsabili, in grado di rispettare l’ambiente”.

  • Oltre 100 persone, 37 bambini e 70 adulti

“Ringrazio tutti i volontari che si sono messi a disposizione – continua Liberati- sono orgoglioso dei miei concittadini che hanno partecipato in massa, oltre 100 persone, 37 bambini e 70 adulti. Sono state ripulite 9 zone importanti e sono stati portati in discarica alcuni quintali di rifiuti. La mia speranza è soprattutto quella di aver contribuito a formare le giuste coscienze nelle nuove generazioni”.

“Quando si verificano situazioni di abbandono di rifiuti lungo le strade e nei parchi- conclude il primo cittadino di Otricoli- ci troviamo di fronte ad almeno due aspetti problematici: c’è chi li lascia, che commette un atto indegno,ma c’è anche di chi non li raccoglie. Purtroppo non abbiamo grandi speranze o possibilità di disincentivare l’abbandono, ma possiamo sicuramente stimolare le coscienze ed attivarci prontamente per cercare chi li recupera.

Più le aree che ci circondano, sono pulite e decorose, e più siamo incentivati a mantenerle tali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*