Non arrecare un danno significativo, concluso il convegno

Non arrecare un danno significativo, concluso il convegno

É stato il “Sole24Ore” a lanciare l’allarme, il 4 aprile scorso, sul rischio d’inciampo che si annida nei fondi del PNRR in ordine alla corretta interpretazione del principio DNSH, letteralmente: “Do Not Significant Harm”, che nel contesto del Green Deal e della transizione ecologica vede l’Europa impegnata nel contrasto ai cambiamenti climatici, anche attraverso il vincolo di non arrecare danni significativi all’ambiente.
Le amministrazioni pubbliche, i professionisti e le imprese sono pertanto chiamati applicare il DNSH per rendicontare i lavori del PNRR.  

Per fare luce sulle possibili difficoltà interpretative e applicative di tale principio Gesenu Ambiente, Università per Stranieri di Perugia e Centro Studi Giuridici e Politici della Regione Umbria si sono attivati organizzando un convegno in cui sono stati chiamati ad approfondire l’argomento i maggiori esperti nazionali di diritto amministrativo e dell’ambiente.

Ai due giorni di studio hanno partecipato oltre cento tra avvocati, architetti e ingegneri, insieme a dirigenti e funzionari di pubbliche amministrazioni locali e nazionali. Nel corso del dibattito scaturito nell’ambito dell’odierna tavola rotonda i partecipanti al convegno hanno confermato le difficoltà di applicazione del principio DNSH segnalate dal <<Sole 24 Ore>>, evidenziando l’opacità della normativa e il ritardo con cui l’Italia sta recependo il diritto dell’Unione Europea.

Nei giorni scorsi il magnifico rettore dell’Università per Stranieri di Perugia, prof. Valerio De Cesaris, e il presidente di Gesenu s.p.a., avv. Urbano Barelli, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa che impegna i due organismi in una serie di progetti finalizzati a favorire la transizione ecologica e il contrasto ai cambiamenti climatici. Stamane il documento è stato illustrato dal prof. Francesco Asdrubali, delegato rettorale Unistrapg all’edilizia universitaria e referente per i progetti legati all’impatto ambientale, insieme all’avvocato Urbano Barelli.

“Il convegno, molto partecipato sia in presenza che in streaming – ha dichiarato il prof. Asdrubali – è stata un’importante occasione per approfondire le tematiche della transizione ecologica sotto il profilo del diritto amministrativo e dell’ambiente. L’Università per Stranieri di Perugia è sempre più impegnata in attività didattiche, di ricerca e di terza missione che promuovano la cultura della sostenibilità, e in questo quadro il protocollo d’intesa tra Unistrapg e Gesenu sarà foriero di ulteriori iniziative checome quella odierna, vanno nella direzione del Green Deal europeo, a partire dal corso di formazione proprio sul principio DNSH da organizzare a Norcia nei prossimi mesi”.

Gesenu, Università per Stranieri di Perugia e Centro Studi Giuridici e Politici della Regione Umbria – ha sottolineato il presidente Barelli –si sono attivati tra i primi in Italia su questo tema, avendo compreso l’importanza e l’urgenza di chiarire le difficoltà applicative del DNSH, in un’ottica di servizio e di consulenza rispetto al compito che riguardo al suo recepimento spetta a imprese, amministrazioni pubbliche e professionisti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*