Le avvocate, Nuti e Passeri, scrivono a Caforio, la questione CSS cementerie

Le avvocate, Nuti e Passeri, scrivono a Caforio, la questione CSS cementerie
l'avocato Valeria PASSERI

Le avvocate, Nuti e Passeri, scrivono a Caforio, la questione CSS cementerie

Le scriviamo la presente in riscontro alle sue dichiarazioni rilasciate da ultimo alla stampa. in merito ai combustibili solidi secondari, cosiddetti CSS, da bruciare nelle cementerie, in primis quelle di Gubbio. Siamo due colleghe, esattamente la sottoscritta Avv.Paola Nuti che con la mia famiglia vivo ormai, da quasi venti anni, nella Frazione di Ghigiano- Gubbio a circa 1 Km di distanza dalla cementeria Colacem, e l’Avv. Valeria Passeri, che assiste da anni i Comitati ambientali Eugubini.

Siamo davvero stupite di come con tanta leggerezza sia riuscito a stigmatizzare il grave problema sanitario-ambientale della conca eugubina, laddove dovesse essere utilizzato il CSS come combustibile alternativo nelle cementerie Colacem e Barbetti, senza neppure porsi il problema principale circa la provenienza di tale combustibile (circa 100.000 L/a di CSS), oggi ancora sconosciuta, e la mancanza di controlli da decreto legge semplificazione n.77/2021 convertito nella Legge n.108/2021, il cui art.35 si limita a prevedere una semplice comunicazione alla regione per poter iniziare a bruciare i rifiuti.

La invitiamo a venire a Gubbio in questo periodo di preoccupazione per il nostro futuro ad ascoltare le mamme preoccupate per ì loro figli, i cittadini che abitano nelle zone limitrofe alle due cementerie dove tra l’altro, quella di Barbetti Spa insiste in pieno centro abitato, a confrontarsi con i nostri medici ed ingegneri . altamente qualificati, che sicuramente sotto il profilo medico scientifico ne sanno più di noi avvocati. Invece che prodigarci per fare bruciare i rifiuti a Gubbio, noi professionisti avvocati dovremmo prima fare il nostro lavoro: ascoltare, studiare ed aiutare gli esperti a trovare alternative alla produzione (anche quella a mezzo dell’attuale pet coke) più ecosostenibili possibile.

Nel rispetto della correttezza deontologica, La invitiamo a confrontarsi anche con chi la pensa diversamente da Lei, prima di ogni avventata azione di propaganda. Un cordiale saluto.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*