Covid: Brunetta, “Estendere uso green pass, gesto responsabilità per salute collettiva”

Garantire le esigenze di socializzazione nella scuola

 
Chiama o scrivi in redazione


Brunetta Estendere uso green pass, gesto responsabilità salute collettiva
Brunetta Estendere uso green pass, gesto responsabilità salute collettiva

Covid: Brunetta, “Estendere uso green pass, gesto responsabilità per salute collettiva”

“Sono favorevole all’estensione dell’uso del Green Pass per il ritorno alla normalità di tutte le attività, e in particolare per garantire le esigenze di socializzazione nella scuola, sui luoghi di lavoro e nelle occasioni ludiche e di svago. Non si possono invocare riaperture indiscriminate senza un richiamo alla responsabilità individuale che riverbera sulla salute collettiva. Il Governo non apre e non chiude, il Governo è chiamato a prendere atto dell’evoluzione della situazione reale, che è la sommatoria dei comportamenti individuali”. Ad affermarlo in una nota Renato Brunetta, ministro per la Pubblica amministrazione.

Le esperienze dei Paesi in cui la vaccinazione è più avanzata, da Israele all’Australia, rileva il ministro, “dimostrano chiaramente che, superata una certa percentuale di vaccinati, solitamente di poco superiore al 60%, la curva delle adesioni tende ad appiattirsi. Questo significa che, verosimilmente per un malinteso senso di sicurezza, alcune fasce della popolazione non si vaccinano perché si sentono protette dalla vaccinazione altrui. Occorre sfatare questa falsa credenza”.

“La certezza della ripresa della vita normale senza pericolose ricadute passa esclusivamente attraverso l’adesione pressoché totale alla campagna vaccinale. Dopo tutti i sacrifici fatti, non possiamo sostenere nuovi costi sociali ed economici che deriverebbero da una ripresa della pandemia. Ricordiamoci che dove non è stato introdotto il green pass la ripresa della vaccinazione è stata spinta da una recrudescenza pandemica. Noi non vogliamo arrivare a questo”, sottolinea il ministro. (Eca/Adnkronos)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*