Coronavirus. Von Der Leyen: fine restrizioni solo con gradualità

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus. Von Der Leyen: fine restrizioni solo con gradualità

Coronavirus. Von Der Leyen: fine restrizioni solo con gradualità

“Abbiamo stabilito tre criteri, in generale raccomandiamo un approccio graduale, ogni azione deve essere monitorata continuamente”. A dichiararlo Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, durante la conferenza stampa di oggi a Bruxelles per presentare le misure raccomandate per il termine delle restrizioni imposte dagli Stati membri per limitare la diffusione del Covid-19. “In questo contesto le autorita’ pubbliche devono scegliere il miglior momento per iniziare a revocare le misure restrittive” ha detto Von Der Leyen.

“È un compito molto difficile. I Paesi dell’Unione europea sono stati colpiti in maniera diversa in quanto ad intensita’ e calendario della pandemia. Non c’e’ un approccio unico per tutti. Deve essere un approccio su misura”. Tre sono le misure che la presidente ha illustrato per un’uscita graduale e coordinata dalle restrizioni:

“Innanzitutto, e’ necessario un criterio epidemiologico solido che dimostri un calo costante della diffusione del virus in un certo periodo di tempo, attraverso una capacita’ di vigilanza e monitoraggio con test su vasta scala. Anche attraverso campagne di sensibilizzazione”. Importante anche, come secondo criterio, considerare la dimensione globale del virus: “Non conosce confini, per sconfiggerlo e’ necessaria anche una cooperazione a livello internazionale”. C’e’ poi il sistema sanitario, per cui si auspica una “cooperazione per accelerare la diagnostica, le cure e la creazione di un vaccino, la cui diffusione sara’ garantita in tutto il mondo”. Passo importante, questo, che vede come ostacolo la disponibilita’ dei finanziamenti. Von Der Leyen ha fatto sapere che “ci sara’ una conferenza di coordinamento online per affrontare il gap dei finanziamenti per trovare soluzioni innovative e soprattutto eque, sempre in stretta collaborazione con l’Oms”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*