Umbria Jazz, le precisazioni della Fondazione sulle Clinics

 
Chiama o scrivi in redazione


Clinics di Umbria Jazz sono 211 gli iscritti ai seminari
clinics

Umbria Jazz, le precisazioni della Fondazione sulle Clinics BASTIA UMBRA – A seguito delle dichiarazioni rilasciate a La Nazione domenica 13 maggio 2018, la Fondazione Umbria Jazz precisa quanto segue:

Per quanto riguarda le Clinics di Umbria Jazz, come abbiamo già si è detto in conferenza stampa, la Fondazione CRPG è libera di decidere quello che vuole. La Fondazione Umbria Jazz, di cui la Fondazione CRPG è socio costitutivo, si limita ad osservare quanto segue:

  • Le decisioni sono state assunte, dopo decenni di sostegno e di partenariato col Berklee College di Boston, a due mesi dallo svolgimento dell’evento, senza nessun avvertimento che potesse permettere di gestire in modo diverso la situazione e/o di recuperare il danno economico che si viene a creare con le decisioni assunte

LEGGI ANCHE: Umbria Jazz, fondazione Caripg non darà più fondi alle Clinics INTERVISTA

  • Forse le Clinics non sono ritenute strategiche dalla Fondazione CRPG, ma non risulta essere così da parte del resto dei soci costitutivi della Fondazione Umbria Jazz e una mancata comunicazione in tempo utile delle decisioni della Fondazione CRPG ha impedito di poter discutere questo punto
  • Le Clinics sono gestite, al momento, da un’Associazione e non dalla Fondazione Umbria Jazz, ma per 30 anni nessuno dei soci sostenitori di Umbria jazz e delle Clinics ha pensato che si trattasse di cose non strettamente integrate tra di loro.
  • Di conseguenza se per la Fondazione CRPG il sostegno ad Umbria Jazz (sia pur drasticamente ridotto negli ultimi 2 anni) è considerato strategico e le Clinics no, sarebbe stato necessario e lo è in ogni caso ora, affrontare una discussione e prendere una decisione in Consiglio di Amministrazione della Fondazione Umbria Jazz all’atto dell’approvazione del bilancio preventivo

Sulla base di queste considerazioni invieremo nei prossimi giorni, come annunciato, una lettera ai soci della Fondazione Umbria Jazz per chiedere la convocazione di un tavolo al massimo livello che chiarisca la volontà e l’impegno dei soci rispetto al complesso delle attività e dei problemi di Umbria Jazz, che resta uno dei brand più importanti dell’Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*